Se le religioni dialogano tra loro il mondo ha un futuro

Alla diocesi di Padova la 20° Giornata del dialogo islamo-cristiano con il teologo Simone Morandini e l’imam Kamel Layachi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
religioni

Il dialogo tra le religioni come garanzia di futuro per l’umanità. Oggi alla diocesi di Padova si celebra un evento che rilancia il costruttivo confronto interreligioso. “La cura del mondo mi riguarda?” è l’interrogativo-tema della 20° Giornata del dialogo islamo-cristiano. L’incontro è promosso a Padova dalla Pastorale dell’ecumenismo e del dialogo. Insieme alla Comunità islamica di Padova e provincia. A Japoo. E al Movimento dei focolari. Alla delegazione musulmana presente ad una sua udienza generale papa Francesco ha detto: “Il dialogo aiuta a rendere più forte la nostra fratellanza. Lavoriamo insieme per capirci meglio. E soprattutto per la pace. E la strada per la pace non è che il dialogo“.religioni

Religioni in dialogo

L’appuntamento si volge in diretta e in presenza. Ed è in programma oggi alle ore 15.30, Nella sala polivalente San Carlo a Padova. In via Guarneri 22. E in diretta sul profilo Facebook. Il programma della 20° Giornata del dialogo islamo-cristiano prevede autorevoli interventi. Simone Morandini. Teologo. Vicepreside dell’Istituto di Studi ecumenici San Bernardino. Coordinatore del progetto “Etica, filosofia e teologia” della Fondazione Lanza. E l’imam Kamel Layachi. Esponente di rilievo dell’Ucoii. L’Unione delle comunità islamiche in Italia. Seguirà la presentazione di esperienze e di buone prassi. È previsto uno spazio per bambini e ragazzi. Per accedere, riferisce il Sir, è necessario il green pass e la prenotazione del posto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.