Marghera, nel segno della condivisione il presepe in moschea

Un gesto simile viene fatto da un parroco veneziano. "Ci uniamo alla gioia dei fratelli cristiani nel comune, grande rispetto e onore verso Gesù", spiega il Centro islamico bengalese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:30
PRESEPE

Il presepe come opportunità per il dialogo interreligioso. La Natività è ponte tra le fedi. Un piccolo presepe fa mostra di sé, sopra un tappeto da preghiera, in una moschea. Accade nel popoloso quartiere della Cita a Marghera (Venezia). Dove la comunità interreligiosa e multietnica ha dato spazio al simbolo cristiano nel luogo di preghiera musulmano.  Poco dopo l’ingresso nella mosche, una volta tolte le scarpe per accedere l’area di preghiera, si trova la piccola Natività. Un gesto di condivisione. presepe

Presepe del dialogo

Per terra ci sono i tappeti. Al muro una fotografia con l’immagine della Kaaba (il cubo in pietra). Dietro il Corano. E poi la Natività con la Madonna, San Giuseppe e Gesù. Un presepe piccolo. E con qualche pastore e pecorella. Intagliato nel legno. E’ stato portato nella moschea del Centro islamico bengalese della Cita. Dal presidente della comunità stessa Khan Shshidul. “Da anni ormai siamo concittadini dei cristiani che nel Natale hanno la festa più bella- spiega-. Mettendo il presepe in moschea volevamo unirci alla loro gioia nel comune, grande rispetto e onore verso Gesù. I fedeli della comunità sono felici di vedere il presepio in moschea”. Un gesto simile viene fatto da un parroco veneziano. In occasione di ogni Natale il sacerdote consegna una piccola Natività in vetro ad una associazione islamica.presepe

Isa e Maryam

I musulmani credono che Gesù (chiamato “Isa” in arabo) era un profeta di Dio. E’ nato da una vergine (Maria). E tornerà sulla terra prima del giorno del giudizio. Per ristabilire la giustizia. E per sconfiggere al-Masih ad-Dajjal (“il falso messia”). Noto anche come l’Anticristo. Maria (chiamata “Maryam” in arabo) ha un intero capitolo del Corano per lei. L’unico capitolo del Corano chiamato col nome di una figura femminile.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.