In preghiera per la pace. Il no alla guerra di Francesco e della Chiesa

“Pace nel mondo”: Chiese d’America unite nella Giornata di preghiera e digiuno per la pace

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
pace

La pace è l’altro nome del cristianesimo. Non c’è messaggio cristiano senza pace. “Facciamo nostro l’appello del Santo Padre. E invitiamo le 22 Conferenze Episcopali dell’America Latina e dei Caraibi. Come pure le istituzioni e le organizzazioni ecclesiali del nostro continente. E tutti i nostri fratelli e sorelle di buona volontà. Affinché il 2 marzo, Mercoledì delle Ceneri, vivano una giornata di preghiera e digiuno per la pace”. L’agenzia missionaria vaticana Fides rilancia il messaggio del Consiglio Episcopale Latinoamericano (Celam). I presuli richiamano la “situazione dell’Ucraina”. E le circostanze che minacciano la pace nel mondo. Nonostante “i molteplici sforzi di dialogo a favore della fraternità e dell’amicizia sociale”.Pace

Pace unica via

Il Celam si unisce all’appello pontificio ai responsabili politici. E chiede “un esame di coscienza davanti a Dio. Che è il Dio della pace e non della guerra. Che è Padre di tutti, non solo di alcuni. E che ci vuole fratelli e non nemici”. Perciò “si astengano da ogni azione che provochi ancora maggior sofferenza alla popolazione. Destabilizzando la convivenza tra le nazioni. E disattendendo al diritto internazionale”.pace

Appello

Pace per il mondo” è il titolo del comunicato con l’episcopato risponde all’appello di Papa Francesco. Per la giornata di preghiera e digiuno. I vescovi sottolineano che a soffrire di più in questi conflitti armati è la popolazione civile. Allarme, quindi, per le vittime innocenti delle guerre. “Se questa situazione di violenza continua, molte famiglie saranno nel lutto. E ci sarà una crisi di rifugiati e sfollati di centinaia di migliaia di persone”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.