Severino Boezio, santo e filosofo apprezzato anche da Dante Alighieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09
severino boezio giovannetti olympia

San Severino Boezio, filosofo e martire, nasce a Roma nel 475 ca – muore a Pavia il 23 ottobre 524.

Vita

Anicio Manlio Torquato Severino Boezio, fin da giovane, entra nella vita pubblica; a 25 anni è senatore e a 35 console unico. Sposa Rusticana, figlia di Simmaco: hanno due figli che, a loro volta, divengono consoli.

Avvenimenti

  • Collaborando con Teodorico, diffonde tra il popolo goto la fede cristiana e la cultura romana.
  • Nonostante il suo grande impegno in politica, si dedica anche agli studi, in particolare a quello di argomento filosofico-religioso: scrive anche trattati di aritmetica, geometria, astronomia e musica. E’ considerato l’ultimo esponente della cultura romana antica e il primo intellettuale medioevale.
  • La sua opera letteraria più famosa è De consolatione philoophiae, scritta in carcere in attesa della morte e considerata tra le opere più belle di tutti i tempi, apprezzata anche da Dante Alighieri. 

Spiritualità

Ha una fede granitica. Mette a servizio della Chiesa la sua grande e raffinata cultura, cercando di fondere la teologia con la filosofia (specie quella aristotelica) e tentando quella sintesi che Tommaso D’Aquino compirà circa sette secoli dopo. Confuta varie eresie.

Morte

In un’epoca di rapporti difficili tra Teodorico e l’imperatore di Bisanzio, Boezio viene accusato, ingiustamente, di aver complottato contro il re dei Goti; quest’ultimo lo fa uccidere dopo vari mesi di prigionia. Le sue reliquie sono venerate a Pavia, nella chiesa di San Pietro in Ciel d’Oro. Il suo culto è confermato nel 1883 da Leone XIII.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.