Inaugurata la casa di preghiera della “Divina Volontà” della Comunità “Fiat! Totus Tuus”

Monsignor Camillo Cibotti, vescovo di Isernia-Venafro ha presieduto la celebrazione eucaristica nel corso della quale è avvenuta la benedizione della casa di preghiera della “Divina Volontà”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Preghiera

Il nuovo cuore della preghiera in Molise. Ieri, solennità dell’Assunzione di Maria Vergine, è stata avviata una nuova realtà di fede. A Sessano del Molise. Nella diocesi di Isernia-Venafro. Si è svolta l’inaugurazione della casa di preghiera della “Divina Volontà”. Luogo di spiritualità della Comunità “Fiat! Totus Tuus”. Monsignor Camillo Cibotti è il vescovo di Isernia-Venafro. E’ stato il presule, riferisce il Sir, a presiedere la celebrazione eucaristica. Nel corso della quale è avvenuta la benedizione della casa di preghiera della “Divina Volontà”. Al termine della Messa è stato portato il Santissimo Sacramento nella cappella privata del centro di spiritualità. E si è così compiuta l’inaugurazione della casa di preghiera della “Divina Volontà”.preghiera

Centro di preghiera

“Fiat! Totus Tuus” è una comunità mariana contemplativa. E segue la vita interiore della Vergine Maria. Come un modello di consacrazione verginale. E di configurazione a Cristo. Spiega il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti: “La preghiera è universalità, coralità, unione fraterna. Come ricorda papa Francesco. E pure intimità, sponsalità, unione mistica, come il ‘Totus tuus di Karol Wojtyla. Un motto che sulle labbra di un papa, sigilla l’offerta dell’intera umanità. Maria è via privilegiata al Cristo, di cui fu figlia e madre. Come dice Dante con poesia incomparabile. L’affidamento del mondo alla Vergine Maria. Le parole accorate che il popolo ha reiterato nei secoli. Tutto ciò che è umano ci riguarda. Come cristiani e come Chiesa. È una delle eredità di san Giovanni Paolo II. Forse la più significativa“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.