Home Chiesa Cattolica Il Papa lascia la Grecia: il telegramma alla presidente Sakellaropoulou

Il Papa lascia la Grecia: il telegramma alla presidente Sakellaropoulou

Il Papa ha fatto pervenire alla Presidente della Repubblica Ellenica un messaggio di ringraziamento per l'ospitalità ricevuta in Grecia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:39

Il Pontefice lascia la terra ellenica dove ha fatto tappa per il suo 35° viaggio apostolico a Cipro e in Grecia. Il trasferimento da Atene all’aeroporto di Roma Ciampino – riporta Vatican News – dura poco più di due ore a partire dalle 10.58, ora del decollo.

Questa mattina, prima della partenza, il Pontefice ha incontrato i giovani presso la scuola San Dionigi delle Suore Orsoline a Maroussi, ad Atene.

Il telegramma alla Presidente della Repubblica di Grecia

Subito dopo la partenza Francesco ha fatto pervenire alla Presidente della Repubblica Ellenica, Katerina Sakellaropoulou, un messaggio di preghiera e di benedizione sulla nazione ma anche di “profonda gratitudine” per la ospitalità ricevuta nel corso della sua permanenza.

“Nel momento in cui lascio la Grecia – si legge nel telegramma – esprimo la mia profonda gratitudine a lei e a tutto il popolo della Repubblica ellenica per la loro cortese ospitalità durante la mia visita apostolica. Assicurandovi le mie preghiere, invoco le benedizioni divine sulla nazione”.

Il Papa aveva già parlato con la presidente Sakellaropoulou durante il suo incontro con le autorità elleniche, avvenute il primo giorno di visita in Grecia lo scorso 4 dicembre. “Qui è nata la democrazia – aveva detto il Papa alle autorità greche riunitesi ad Atene -. Ma oggi si registra un arretramento della democrazia”.

Durante il volo è prevista la consueta conferenza stampa con i giornalisti a bordo che hanno seguito la visita papale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.