Papa, udienza: “Nel futuro del mondo e nelle speranze della Chiesa ci sono i piccoli”

"Gesù loda il Padre perché predilige i piccoli", ha osservato Francesco: "È quello che Lui stesso sperimenta, predicando nei villaggi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:40

“Nel futuro del mondo e nelle speranze della Chiesa ci sono i piccoli: coloro che non si reputano migliori degli altri, che sono consapevoli dei propri limiti e dei propri peccati, che non vogliono dominare sugli altri, che, in Dio Padre, si riconoscono tutti fratelli”. Lo ha spiegato il Papa, nella catechesi dell’udienza di oggi, dedicata alla preghiera di lode e trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata del Palazzo apostolico.

“Gesù loda il Padre perché predilige i piccoli”, ha osservato Francesco: “È quello che Lui stesso sperimenta, predicando nei villaggi: i dotti e i sapienti rimangono sospettosi e chiusi, fanno dei calcoli, mentre i piccoli si aprono e accolgono il messaggio. Questo non può che essere volontà del Padre, e Gesù se ne rallegra”.

“Anche noi dobbiamo gioire e lodare Dio perché le persone umili e semplici accolgono il Vangelo”, l’invito del Papa, che poi ha proseguito a braccio: “Quanto vedo questa gente semplice, umile che va in pellegrinaggio, che va a pregare, che canta, che loda, gente alla quale forse mancano tante cose ma l’umiltà li porta a lodare Dio”.

Il Papa parla della preghiera di lode e dice che lodare il Signore serve a noi, è “come respirare ossigeno puro, ti purifica l’anima, ti fa guardare lontano, non rimanere imprigionato nel momento difficile, buio delle difficoltà”. Qui sotto il video di Vatican News.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.