Beato Giovanni Martino Moye: missionario in Cina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21

Beato Giovanni Martino Moye, Sacerdote e fondatore delle Suore della Divina Provvidenza Cutting (Francia), 27/01/1730 – Treviri (Germania), 4/05/1793. E’ sesto di tredici figli di una famiglia contadina molto religiosa. Studia a Strasburgo presso i Gesuiti. Entra nel seminario di Metz.

Avvenimenti

• Nel 1754 è ordinato sacerdote.

• Nel 1767 fonda la Congregazione delle Suore della Divina Provvidenza.

• Resosi conto che molti bambini muoiono senza essere battezzati, scrive un opuscolo in cui evidenzia la grave responsabilità delle ostetriche e dei parroci. Si crea talmente tanti nemici che il direttore spirituale del seminario, per pacificare gli animi, lo destituisce e lo invia  Dieuze come vicario.

• Nel 1769 entra a Parigi nel seminario delle Missioni Straniere, dove si prepara per fare il missionario in Cina (che raggiunge nel 1773 e dove rimane per nove anni).

• Fonda la Congregazione delle Vergini Insegnanti, dedite all’istruzione e all’assistenza dei malati.

Nel 1784 lascia la Cina: durante il lungo viaggio di ritorno scrive una relazione sulla esperienza cinese.

• Ritorna nel paese natio, dove si occupa della formazione delle sue suore e raccoglie fem per le missioni in Cina.

• Durante la Rivoluzione francese non solo si rifiuta di giurare la Costituzione civile del clero, ma incita i confratelli sacerdoti a fare altrettanto: è esiliato con la sua Congregazione a Treviri, in Germania.

Morte

Trascorre gli ultimi anni della sua vita assistendo i poveri e i malati ricoverati in ospedale. Muore perché colpito da febbre tifoidea, che contrae nell’assistere gli infetti. Vie beatificato nel 1954.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.