Il Papa incoraggia l’Azione Cattolica ad andare avanti nella sua missione

Questa mattina Papa Francesco ha ricevuto in udienza Giuseppe Notarstefano, presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, e mons. Gualtiero Sigismondi, assistente ecclesiastico generale dell’associazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:50
(Foto Vatican Media/SIR)

Questa mattina Papa Francesco ha ricevuto in udienza Giuseppe Notarstefano, presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, e mons. Gualtiero Sigismondi, assistente ecclesiastico generale dell’associazione.

Il Papa incoraggia l’Azione Cattolica ad andare avanti

“Molti i temi toccati nel corso del cordiale e paterno incontro – si legge sul sito dell’Azione Cattolica -. Il Santo Padre ha voluto incoraggiare l’Azione Cattolica ad andare avanti nella sua missione, stando con sempre maggiore impegno nel cammino sinodale intrapreso dalla Chiesa universale e dalla Chiesa italiana; coltivando il suo essere Chiesa popolare, capace di condividere la quotidianità delle persone. Papa Francesco ha chiesto in particolare dei ragazzi e dei giovani di Azione Cattolica, rivolgendo loro un pensiero affettuoso”.

Il presidente Notarstefano e l’assistente generale mons. Sigismondi hanno presentato e aggiornato il Santo Padre sugli impegni e i progetti associativi attualmente in corso, “evidenziando quanto questi, e più in generale, l’intero agire dell’Azione Cattolica sia il frutto di un discernimento pienamente ispirato al magistero di Papa Francesco”. Al termine dell’udienza – riporta il Sir – Notarstefano e mons. Sigismondi hanno donato al Santo Padre alcuni libri pubblicati dall’Editrice Ave, tra questi il testo “Sorella maggiore racconta, memorie della fondatrice della Gioventù femminile di Azione Cattolica, Armida Barelli”, che sarà beatificata a Milano il prossimo 30 aprile.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.