“La missione poggia sulla fede e l’umiltà”. Sostegno Acs in Pakistan

Aperto con il sostegno della fondazione pontificia "Aiuto alla Chiesa che soffre" il primo seminario minore nella diocesi di Hyderabad

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
pakistan

Un segno importante per la Chiesa in Pakistan. Aperto il primo seminario minore nella diocesi di Hyderabad. riferisce l’agenzia missionaria vaticana Fides. Monsignor Christophe Zakhia El Kassis è il nunzio apostolico in Pakistan. E si è rivolto a più di 300 fedeli tra sacerdoti, religiosi, seminaristi e laici della diocesi cattolica di Hyderabad. In occasione della cerimonia di inaugurazione e benedizione del nuovo seminario minore di San Bonaventura. “Siamo chiamati da Dio a servire il suo popolo con amore e misericordia– afferma il presule-. La formazione in seminario è sacra. E non dobbiamo dimenticare ciò che abbiamo imparato in seminario. Dio benedice i giovani con la chiamata al dono del sacerdozio. Occorre ricordare sempre che Dio ci ha chiamati. E dobbiamo pregare per la vocazione al sacerdozio“.Pakistan

Missione Pakistan

Il nunzio apostolico in Pakistan indica come modello “Maria, madre di Gesù. La fede e l’umiltà l’hanno spinta alla missione”. A maggio del 2021, la diocesi aveva ha iniziato la costruzione del del seminario minore. Grazie agli sforzi della comunità e al contributo di benefattori – come “Missio Austria” e “Aiuto alla Chiesa che soffre” – i lavori di edificazione sono stati completati. Padre Tariq Talib è il rettore del nuovo seminario: “Sarà una casa per i giovani che compiono un cammino di discernimento per la loro vocazione sacerdotale. Abbiamo 16 seminaristi tra primo, secondo e terzo anno di studi“. La struttura del seminario minore San Bonaventura sorge a Mirpur Khas. Città a 75 chilometri da Hyderabad. E può ospitare 30 ragazzi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.