Escalation di discriminazioni in Pakistan contro i cristiani e gli indù

Conversioni religiose forzate: una questione grave per le minoranze religiose

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Pakistan

In Pakistan Nasir Saeed dirige la Ong Claas. All’agenzia missionaria vaticana “Fides” denuncia le conversioni religiose forzate. Una questione che è oggi “fonte di grande preoccupazione. Per le minoranze religiose in Pakistan”. Soprattutto per cristiani e indù. Ma “sembra mancare la volontà politica di risolverla”. Ciò, secondo Nasir Saeed, è dovuto alla “instabilità politica”. E alla “pressione di gruppi religiosi estremisti“. Tutto ciò “sta creando gravi difficoltà alle minoranze religiose”.Pakistan

Sos Pakistan

Il governo “non presta loro adeguata attenzione“. Sia che si tratti di discriminazione nelle scuole. E nei programmi universitari. Sia che si parli di lavoro. Matrimonio e divorzio. Abuso della legge sulla blasfemia. O conversioni religiose forzate. E’ una “tendenza pericolosa”. Soprattutto quando i giudici dell’Alta Corte emettono sentenze influenzate dalla Shariah. Invece di sostenere la legge prevalente del paese. Come il Child Marriage Restraint Act (1929) che punisce i matrimoni di ragazze sotto i 16 anni. In tal modo “i tribunali pakistani continuano a ignorare anche gli standard internazionali“.pakistan

Obblighi internazionali

Secondo Saeed “la situazione è molto difficile”. Perciò “occorre lottare per la giustizia e il cambiamento“. E bisogna “lavorare sodo in modo indipendente”. Utilizzando tutte le piattaforme e le alleanze. A livello nazionale e internazionale. È fondamentale, infatti, “continuare a ricordare al Pakistan i suoi obblighi internazionali. In materia di diritti umani. Specialmente nei confronti dei bambini. Delle donne. E delle minoranze“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.