Pakistan, i cristiani soffrono per la mancata protezione delle minoranze religiose

Appello della società civile al governo: "Inapplicate le leggi nazionali esistenti e gli articoli del Codice penale"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Pakistan

In Pakistan non c’è ancora un’efficace attuazione della protezione dei cittadini vulnerabili. L’agenzia missionaria vaticana Fides rilancia l’allarme delle comunità cristiane. Sos per la mancata applicazione delle leggi nazionali esistenti e degli articoli del Codice penale del Pakistan. Ciò rappresenta un serio ostacolo nella prevenzione delle persecuzioni contro le minoranze religiose. “Il governo deve introdurre misure legali e amministrative efficaci. Per proteggere le minoranze dai crimini. Incluse conversioni forzate. Matrimoni forzati con bambine e violenze sessuali in Pakistan”, sostiene il Center for Social Justice (CSJ).Pakistan

Orrore in Pakistan

Orrore in Pakistan per l’uccisione di Pooja Kumari. Una ragazza indù che ha resistito al rapimento. Alla conversione forzata e al matrimonio forzato. Le organizzazioni che tutelano i diritti hanno chiesto alle autorità di garantire un’indagine imparziale su questa tragedia. E un giusto processo legale. A sconcertare le minoranze religiose è l’immobilismo del governo nell’affrontare la violenza di genere. E la violenza legata alla religione nel paese. I movimenti anti-persecuzioni chiedono all’esecutivo di adottare politiche specifiche. E un piano d’azione nazionale per fronteggiare l’estremismo, la violenza e l’intolleranza contro le minoranze.pakistan

Pluralismo negato

Il Csj si appella alle autorità civili: “Le conversioni forzate violano la libertà religiosa dei cittadini. E minano il pluralismo religioso del Pakistan; pertanto il governo dovrebbe affrontare e combattere l’impunità associata a questo fenomeno. Le conversioni forzate di ragazze minorenni, in special modo cristiane e indù, è una pratica antica e persistente in Pakistan. Così come lo è la violenza di genere“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.