Myanmar, l’esercito birmano occupa e profana due chiese

L'occupazione dei luoghi sacri è la conseguenza di una serie di combattimenti tra i militari e i gruppi di resistenza civile (Chinland Defence Force, Cdf) che si sono intensificati nello Stato di Chin. Migliaia di persone in fuga dalle loro case

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Myanmar

In Myanmar i militari sono entrati nelle chiese cattoliche profanandole. Hanno aperto il tabernacolo. Pensavano che ci potessero essere cose di valore. Hanno preso le ostie consacrate. E le hanno gettate a terraMyanmar

Orrore in Myanmar

“Profonda tristezza” dell’episcopato del Myanmar. Nell’apprendere che l’esercito birmano ha occupato e profanato due chiese. Nel villaggio di Chat. Si tratta della chiesa cattolica di San Giovanni. E di una chiesa battista. Il vescovo di Hakha, monsignor Lucius Hre Kung racconta al Sir: “C’era stato uno scontro tra le forze armate birmane e la cosiddetta People Defense Force a Chat”.Myanmar

Profondo dispiacere

Aggiunge il presule: “Per paura tutti gli abitanti sono fuggiti dal villaggio. In cerca di un posto più sicuro. I militari birmani hanno passato la notte nel complesso della chiesa cattolica. E nella chiesa battista che si trova proprio accanto”. Chat è stata solo recentemente costituita come parrocchia nella diocesi di Hakha. E si trova ad una giornata di viaggio dal centro diocesano. “Siamo profondamente dispiaciuti per quanto è accaduto”, spiega monsignor Lucius Hre Kung. La visita del Papa nel 2017 è stata una luce per il Myanmar. E’ stata una testimonianza di fede. Con un grande impatto sociale. Ed evidenti espressioni di cura del popolo birmano. E’ stata una vera “festa per il dialogo interreligioso”. Un’occasione speciale per mostrare grande solidarietà al Myanmar. Soprattutto alla gente emarginata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.