La Chiesa in prima linea per la pacificazione nel Myanmar

Myanmar, si aggrava il conflitto civile. La Chiesa lancia un appello per "la pace e la giustizia"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Myanmar

L’impegno della Chiesa per la pace nel Myanmar. Un appello pubblico per la pace e la giustizia. A dar voce alla mobilitazione cattolica contro l’escalation di violenza è il cardinale Charles Maung Bo. Arcivescovo di Yangon. E presidente della Conferenza episcopale cattolica del Myanmar.Myanmar

Guerriglia urbana

In Myanmar proseguono intensi combattimenti di guerriglia urbana. Nelle principali città (Yangon e Mandalay) si registrano combattimenti quotidiani. Tra l’esercito e le forze di difesa popolari. “La situazione in Myanmar sta peggiorando“, riferisce l’agenzia missionaria vaticana Fides. Ricordando la ribellione popolare avviata all’indomani del golpe militare del 1° febbraio. Cresce il subbuglio politico, economico e sociale con ininterrotte proteste contro il governo.Myanmar

Myanmar nel caos

I militari entrano in città e villaggi. Arrestano ex membri e sostenitori della Lega nazionale per la democrazia. In tutto il paese. “I militari compiono abusi dei diritti umani. E a volte anche uccisioni di massa”, spiegano fonti locali. Le forze di sicurezza del Myanmar hanno ucciso più di 1.000 civili dal colpo di stato. E’ continuo l’anelito di pacificazione della Chiesa. Di fronte a un tessuto sociale lacerato. E al paese ferito dai combattimenti. “Un governo che non ottiene la sua legittimità dal popolo non trae la sua legittimità da Dio- avverte il cardinale Bo-. Il vero potere viene dal servizio. Non dall’imporre con la forza il dominio sugli innocenti“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.