Mozambico, missione delle suore Scalabriniane a Cabo Delgado

Scalabriniane: "La Giornata Missionaria ci riporta alle nostre comunità sparse nel mondo e alla nuova missione di Cabo Delgado"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Mozambico

La missione delle Scalabriniane nella diocesi di Pemba, a Cabo Delgado, in Mozambico. Sono passati 125 anni dalla fondazione della Congregazione delle Suore Missionarie Scalabriniane. Il 9 novembre, riferisce Fides si aprirà l’Anno Scalabriniano. Nel 25° anniversario della beatificazione del fondatore, il missionario Giovanni Battista Scalabrini. Testimone esemplare di vita cristiana. E padre dei migranti.Mozambico

Sos Mozambico

“Per noi questo mese missionario ha un valore profondo– spiega all’agenzia missionaria vaticana suor Marines Biasibetti-. Ci riporta alle nostre comunità in giro per il mondo. E alla nostra nuova missione. Quella nella diocesi di Pemba, a Cabo Delgado, in Mozambico. Qui abbiamo deciso di puntare molte nostre risorse. Per aiutare i migranti vittime di violenze”. Suor Marines Biasibetti è una delle missionarie che si trova sul posto. Aggiunge: “Siamo sostenute dal carisma scalabriniano. E motivate dall’esempio del nostro fondatore. Abbiamo accolto l’invito della Chiesa. E l’appello dei migranti ad aprire questa nuova presenza missionaria. Partecipiamo alle attività del Giubileo. Per i 125 anni di fondazione della nostra congregazione”.Mozambico

Giornata Missionaria

Prosegue suor Marines Biasibetti: “Le esigenze a Cabo Delgado sono tantissime. Si vive nella povertà più assoluta. Con esigenze primarie a cui rispondere. Cibo. Acqua. Salute. Un nostro gruppo è a Chiure. A 155 chilometri dalla capitale della regione, Pemba. La parrocchia di Santa Isabella è la nostra casa. È un distretto molto povero. Con molte necessità. Vogliamo realizzare alcune attività di auto-sostenibilità per aiutare i migranti. Ci chiedono di rispondere a necessità basilari. E di tornare nei territori d’origine”. La Giornata Missionaria per le Suore Scalabriniane ha il sapore di questa terra. Che guarda all’Oceano Indiano. Dove in migliaia fuggono verso la Tanzania.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.