Home Chiesa Cattolica Vent’anni di devozione nel santuario. Festa alla diocesi di Grosseto per la...

Vent’anni di devozione nel santuario. Festa alla diocesi di Grosseto per la Madonna del Rosario

Diocesi di Grosseto, celebrazioni per il ventennale del santuario mariano di Campagnatico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Grosseto

L’impronta della devozione mariana nella diocesi di Grosseto. Hanno preso il via le celebrazioni per il ventennale del santuario mariano di Campagnatico. Risale infatti al 7 ottobre 2001, festa della Madonna del Rosario, il decreto più atteso dai devoti toscani della Vergine. Con quel documento l’allora vescovo di Grosseto, monsignor Giacomo Babini, elevò la chiesa di Santa Maria a santuario diocesano.

Grosseto
Foto © Vatican Media

Nella diocesi di Grosseto

Le cerimonie per i vent’anni del santuario diocesano si sono aperte lunedì con la Messa celebrata da don Paolo Gentili, vicario generale della diocesi. Ieri, nella memoria di santa Faustina Kowalska, è stato don Tito Testi, parroco di Castell’Azzara, a presiedere la celebrazione eucaristica. Tra i presenti anche don Giosy Cento. Accompagnato da una rappresentanza di giovani di “Ragazzi del cielo, ragazzi della terra”. L’associazione nata nel 2007 su iniziativa dello stesso sacerdote. Per ricordare tutti quei giovani che se ne vanno troppo presto. A causa di incidente. Malattia. Oppure scelte di vita sbagliate.Grosseto

Ventennale

Oggi, alle 19, sarà il vescovo emerito monsignor Rodolfo Cetoloni a presiedere l’Eucaristia a Campagnatico. Dove domani– nel giorno del ventennale dell’erezione del santuario mariano diocesano– il vescovo monsignor Giovanni Roncari presiederà la Messa solenne, sempre alle 19.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.