Nella diocesi di Grosseto l’educazione civica si apprende a scuola

Diocesi: Grosseto, ai licei Chelli le lezioni-incontro sull’educazione civica. Un'iniziativa per rendere consapevoli gli studenti dei loro diritti e doveri di cittadinanza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
scuola

A scuola si è svolto il corso diocesano di educazione civica. Nei licei gestiti dalla diocesi di Grosseto attraverso la Fondazione Chelli si sono tenute le lezioni-incontro sull’educazione civica. Con esperti affiancati dai laboratori rivolti agli studenti. E coordinati dai docenti. Per lavorare e mettere subito alla prova quanto appreso.scuola

Educazione civica a scuola

“Oltre il conflitto. Crescere per intraprendere. Le competenze rendono protagonisti”. E’ stato questo il tema di fondo che ha legato i singoli momenti di questa “full immersion”. Studenti di tutte le classi uniti attorno all’educazione civica. A partire dalla sua reintroduzione come insegnamento trasversale nelle scuole di ogni ordine e grado. L’occasione è stata accolta dai licei Chelli per potenziare e dare un’ ulteriore sistematicità ad una condizione. Quella della complessità e pluralità delle interconnessioni. Tra le singole discipline liceali. Le attività formative curricolari. Opzionali. Laboratoriali. Ed extra-curricolari.scuola

Soggetti attivi

I docenti sono partiti dalle esperienze di vita dei singoli studenti. Per “un’autentica educazione alla cittadinanza”. Di persone che la vogliano e la sappiano esercitare in modo consapevole. Attivo. Responsabile”. “Persone– spiega al Sir la preside, Paola Biondo– che abbiano capito come il bene comune sia davvero il bene di ogni cittadino. E si pongano l’obiettivo concreto di costruirlo. E di custodirlo. Attraverso giusti atteggiamenti. E decisioni. L’io e il territorio diventano, così, soggetti attivi. In questa comune ricerca di senso. E nuova civiltà umana”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.