Università Gregoriana, webinar a 30 anni dalla dissoluzione dell’Urss

Così Karol Wojtyla promosse un cammino di rinascita cattolica nelle quindici nazioni sorte dalle macerie dell'Unione Sovietica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Gregoriana

Alla Pontificia Università Gregoriana si è svolto ieri un webinar. Su Giovanni Paolo II e la Chiesa in Unione Sovietica. A 30 anni dalla dissoluzione dell’Urss. E’ stato presentato il volume curato sul tema da Jan Mikrut. Ordinario alla Gregoriana nella facoltà di Storia della Chiesa. Il volume ripercorre il contributo di Papa Wojtyla alla rinascita del cattolicesimo.gregoriana

Annientamento

30 anni anni fa l’Accordo di Belaveza sanciva la dissoluzione dell’Urss. Quindici Repubbliche sorte dall’implosione dell’Unione Sovietica. E cioè Estonia. Lettonia. Lituania. Bielorussia. Ucraina. Moldavia. Georgia. Armenia. Azerbaigian. Kazakhstan. Uzbekistan. Turkmenistan. Kirghizistan. Tagikistan. E Federazione Russa. La Chiesa cattolica era stata portata sull’orlo dell’annientamento. Nei suoi tre riti. Latino. Greco-cattolico. Armeno.gregoriana

Viaggi

La storia voltava pagina nel mezzo del pontificato di Giovanni Paolo II (1978-2005). Karol Wojtyla promosse un cammino di rinascita cattolica in questi Paesi. Anche grazie ai suoi viaggi apostolici. Cinque dei quali nell’ex Urss. Repubbliche baltiche (1993). Georgia (1999). Ucraina (2001). Kazakhstan e Armenia (2001). Azerbaigian (2002). Gregoriana

Programma alla Gregoriana

Il webinar di ieri è stato aperto da padre Nuno da Silva Gonçalves. Rettore della Pontificia Università Gregoriana. Poi gli interventi. Il cardinale Leonardo Sandri. Prefetto della Congregazione per le Chiese orientali. Il cardinale Sigitas Tamkevičius. Arcivescovo emerito di Kaunas. L’arcivescovo metropolita Ioann (Roshchin) della Chiesa ortodossa del Patriarcato di Mosca. Infine il curatore del volume, il professor Jan Mikrut.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.