La tecnologia a supporto della fede in pandemia

La fede in Cristo durante il servizio militare, con l’ausilio delle nuove tecnologie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

In Vietnam la tecnologia diventa strumento per vivere la fede in pandemia. Grazie alla sempre maggiore diffusione di Internet e di dispositivi tecnologici, riferisce Fides, i cattolici riescono a seguire la messa in streaming. O ad accedere alle letture della Bibbia. E’ un sostegno che aiuta a mantenere viva la fede. Anche in un contesto molto lontano dalla Chiesa, come quello militare.fede

La fede al tempo della pandemia

La tecnologia a supporto della fede. Non solo per rispondere all’emergenza pandemica. E’ l’esperienza di molti giovani cattolici del Vietnam. Chiamati ad assolvere all’obbligo militare. Si trovano per 18 mesi nell’impossibilità di vivere un percorso spirituale regolare. In Vietnam, il servizio di leva è ancora obbligatorio. E coinvolge ogni anno migliaia di giovani. Tra i 18 e i 25 anni. L’arruolamento è generalmente preceduto da un rituale celebrato agli inizi di marzo.

fede
Un fedele segue la messa in streaming

Timori

Il periodo di servizio nell’esercito è un momento molto temuto dalle famiglie cattoliche. Nell’anno e mezzo in divisa, i ragazzi vivono in caserme distanti dai centri abitati. E dalle chiese. Hanno scarse possibilità di pregare. E ricevere i sacramenti. Sperimentano, così, un lungo allontanamento dalla fede. Molti soldati cattolici sono mossi dal desiderio di trovare un’occupazione futura nell’esercito. Anche dopo il periodo di leva. Perciò si dichiarano non religiosi. Per paura di essere esclusi dal partito comunista.Fede

Maggiore apertura

La percentuale di soldati cattolici che restano saldi nella fede in queste difficili circostanze è molto bassa. Gli smartphone e Internet rappresentano un valido conforto spirituale. E un mezzo di vicinanza alla comunità dei fedeli. La vita spirituale degli arruolati riveste ancora una bassa priorità nel mondo militare vietnamita. Ma di recente il governo ha mostrato una maggiore apertura. Riconoscendo di aver guadagnato molte reclute. Proprio grazie ad una rinnovata collaborazione con i membri di varie organizzazioni religiose. Tra questi, molti giovani cattolici. Che si sentono chiamati ad unirsi agli sforzi della nazione. Per costruire un contesto di unità, sviluppo e pace.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.