A Cuba la lezione di Francesco: “Le crisi si superano cercando la comprensione”

I religiosi richiamano l’attenzione su 700 persone ancora in carcere dopo gli scontri di un anno fa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:19
Cuba

Un anno fa gli scontri a Cuba. E la Conferenza dei Religiosi si espresse sulla situazione cubana. “Quelli che sono scesi in piazza non sono criminali. Sono persone comuni delle nostre città che hanno trovato il modo di esprimere il loro malcontento“, commentò il ConCuR. Quindi propose “cinque punti essenziali per superare l’attuale difficile condizione. E costruire la fraternità tra tutti”

Detenuti a Cuba

Un anno dopo gli eventi dell’11 luglio 2021, la Conferenza cubana delle Religiose e dei Religiosi (ConCuR) richiama “quanto vissuto e quanto stiamo vivendo”. In primo luogo circa 700 persone sono ancora in carcere. “Ciò continua a causare dolore e angoscia a molti, in particolare ai parenti dei detenuti” sottolinea la nota inviata all’agenzia missionaria vaticana Fides. Per alcuni detenuti “il processo non si è ancora svolto, violando i termini ordinari e straordinari stabiliti dalla legge”. Inoltre “nelle udienze di appello svolte, le prove presentate dalla difesa continuano a non essere ammesse. E a non essere adeguatamente valutate. Con pregiudizio per l’imputato”. Quindi ribadiscono che “l’attuale situazione generale è simile a quella che abbiamo vissuto un anno fa. O anche peggio. Con dolore, ci rammarichiamo che le sanzioni e l’intero processo dei detenuti da un anno, siano usati come risorsa intimidatoria”.

Chiesa
Papa Francesco incontra i Gesuiti de La Havana, Cuba, settembre 2015 – Foto © Servizio Fotografico L’Osservatore Romano

Appello

La Chiesa locale, attraverso la Conferenza episcopale cubana, citando Papa Francesco, ricorda che “le crisi non si superano con il confronto. Ma quando si cerca la comprensione”. Quindi ammonisce: “La violenza genera violenza. L’aggressività di oggi apre ferite e alimenta risentimenti futuri che poi ci vorrà molto a superare”. Perciò invitava tutti “a non favorire la situazione di crisi. Ma con serenità di spirito e buona volontà, ad esercitare l’ascolto, la comprensione e l’atteggiamento di tolleranza, che tiene conto e rispetta l’altro. Per cercare insieme soluzioni giuste e adeguate“.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.