Covid: 22 suore positive nell’istituto religioso di Torre Annunziata

Tra le suore positive dell'istituto religioso Mazzarello, ce ne sono sei ultranovantenni, mentre le altre hanno tutte più di 80 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:41

Ventidue suore positive al Covid-19: focolaio nell’istituto religioso Covid: 22 suore positive nell’istituto religioso di Santa Maria Mazzarello delle Figlie di Maria Ausiliatrice di Torre Annunziata di Torre Annunziata (in provincia di Napoli). A comunicare l’esito dei test all’amministrazione comunale della città vesuviana è stata l’Asl Napoli 3 Sud.

Sei suore positive sono ultra novantenni

Tra le suore contagiate, ce ne sono sei ultranovantenni, mentre le altre hanno tutte più di 80 anni: nessuna al momento presenta sintomi tali da richiedere l’ospedalizzazione e tutte sono state poste in isolamento nella struttura di via Cavour.

Le 22 suore positive rientrano tra i 31 nuovi casi di contagio segnalati dal sindaco Vincenzo Ascione relativi alle ultime 48 ore. Nello stesso lasso di tempo sono state registrate anche 41 guarigioni. Si attesta così a 338 il numero complessivo dei cittadini attualmente positivi, con 14 persone che risultano ricoverate.

Suore positive a San Giorgio a Cremano

Lo scorso ottobre era scoppiato un focolaio nella residenza per suore a San Giorgio a Cremano, sempre in provincia di Napoli e sempre sotto l’amministrazione dell’Asl Napoli 3 Sud. In totale, si sono contate 77 suore contagiate – la più anziana delle quali ha 103 anni – e 9 infermieri positivi che le hanno in cura.

In quella occasione, il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, aveva fatto sapere di essere “in stretto contatto con l’Asl per organizzare il giusto sostegno alle sorelle che si trovano nella struttura”. Fino a ieri sera [18 ottobre, ndr] si contavano 70 positivi”. L’8 novembre, erano salite a 77 le consorelle positive, tutte – scriveva PositanoNews -fortunatamente in discrete condizioni di salute. Ad oggi, la situazione sembra essere rientrata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.