Caritas e Vicariato di Roma, venerdì la riflessione on line sull’enciclica “Fratelli tutti”

"Una cultura della superficialità" venerdì il webinar con Pignatone e Tarquinio per approfondire i contenuti dell'enciclica sociale "Fratelli tutti" di papa Francesco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
famiglia

Nell’enciclica sociale “Fratelli tutti” papa Francesco si fa portavoce di chi non ha voce. Il Pontefice richiama l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale sulle fasce più fragili. E sugli effetti devastanti della pandemia nella parte maggioritaria dell’umanità. Priva di accesso alle cure. E spesso persino ai beni di prima necessità. “La statura spirituale di un’esistenza umana è definita dall’amore. – evidenzia Francesco-. L’amore in ultima analisi è il criterio per la decisione definitiva. Sul valore o il disvalore di una vita umana”.Fratelli

Fratelli anti-superficialità

“Una cultura della superficialità” è il tema del quinto appuntamento di riflessione sull’enciclica “Fratelli tutti”. L’incontro è proposto dalla Caritas della capitale. E dal Servizio di pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Roma. Il webinar si svolgerà venerdì 12 marzo alle ore 18. E vedrà la meditazione di Giuseppe Pignatone, presidente del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano. E l’intervento di Marco Tarquinio, direttore del quotidiano Avvenire.

Sos degrado morale

L’incontro prende spunto dal paragrafo 113 del documento di papa Francesco. “Torno a rilevare con dolore che già troppo a lungo siamo stati nel degrado morale. Prendendoci gioco dell’etica. Della bontà. Della fede. Dell’onestà. Ed è arrivato il momento di riconoscere che questa allegra superficialità ci è servita a poco”, sottolinea il Pontefice. Si potrà partecipare attraverso il canale Zoom (link diretto). O in diretta nella pagina Facebook.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.