Zaki: oggi la sesta udienza del processo a Mansura

Si svolge oggi a Mansura, in Egitto, la sesta udienza del processo a carico di Patrick Zaki, lo studente egiziano dell'università di Bologna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:43

Si svolge oggi a Mansura, in Egitto, la sesta udienza del processo a carico di Patrick Zaki, lo studente dell’università di Bologna che seppur a piede libero rischia sempre cinque anni di carcere con l’accusa di diffusione di notizie false ai danni del proprio Paese.

Udienza in mattinata

L’appuntamento presso la Corte d’emergenza della Sicurezza dello Stato di Mansura, la città natale di Patrick sul delta del Nilo, è per le 10 ora locale e italiana ma come di consueto, scrive Ansa, non è chiaro a che ora si terrà l’udienza.

Zaki: a Mansura diplomatici di Italia e altri Paesi

A Mansura stamattina si sono recati rappresentanti di Italia, Ue, Usa e Spagna per monitorare l’udienza del processo a Patrick Zaki. Lo ha constatato l’ANSA sul posto nella città egiziana sul delta del Nilo. La presenza di diplomatici stranieri di diversi Paesi al processo a Patrick avviene costantemente su impulso dell’Ambasciata italiana. Al tribunale di Mansura c’è anche un legale dell’Ambasciata d’Italia.

Anche l’udienza di oggi vede la presenza di due diplomatici italiani, come sempre avvenuto nelle cinque udienze precedenti. La presenza è inquadrata in un monitoraggio europeo di processi egiziani rilevanti per il rispetto dei diritti umani e civili.

Zaki a piede libero

Patrick è a piede libero dopo la scarcerazione disposta l’8 dicembre e arrivata al termine di 22 mesi di custodia cautelare, ma al momento non può tornare in Italia a causa del processo in corso per “diffusione di notizie false dentro e fuori il Paese” sulla base di un articolo del 2019 sui cristiani in Egitto perseguitati dall’Isis e discriminati da frange della società musulmana.

La legale principale del trentunenne ricercatore, Hoda Nasrallah, non ha fatto previsioni su contenuti e possibili esiti dell’udienza. Fonti giudiziarie prevedono un nuovo aggiornamento che potrebbe essere anche di altri due mesi ma ricordano pure che quello contro Patrick è un “processo politico” e quindi il giudice monocratico, a sorpresa, potrebbe pronunciare una sentenza. Se i suoi legali termineranno le arringhe difensive, il processo sarà rinviato al fine di emettere una sentenza, ha previsto un’altra fonte giudiziaria.

Dopo la precedente udienza, quella del 5 aprile scorso, Nasrallah aveva annunciato che i legali avrebbero atteso un pronunciamento della Corte costituzionale su un caso analogo a quello dell’attivista per i diritti umani e civili che potrebbe far decadere il suo processo, rendendo Patrick totalmente libero. I tempi sembrano però lunghi: il 31 luglio è la data di un possibile passaggio dal tribunale amministrativo alla Consulta egiziana del caso-pilota per lui rilevante.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.