Conte: “Oggi completeremo il Dpcm”. Il Senato approva risoluzione di maggioranza

L'Aula del Senato ha approvato la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del premier Conte sulle nuove misure anti Covid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:35
Il Senato della Repubblica

L‘Aula del Senato ha approvato in nottata, poso prima della mezzanotte, la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del premier Conte sulle nuove misure anti Covid. Sul complesso degli impegni richiesti al governo dai partiti che lo sostengono si sono registrati 140 sì, 104 astenuti e 5 voti contrari.

“Domani lavoreremo e completeremo il Dcpm“, ha detto il premier Giuseppe Conte ai cronisti prima di lasciare il Senato, riferendosi alla giornata di oggi, martedì 3 novembre, per la conclusione dei lavori.

Ieri pomeriggio, era toccato alla Camera dare il via libera alla risoluzione sul rafforzamento delle misure restrittive. Il premier da Montecitorio aveva ribadito che “la curva dei contagi corre in ogni Continente”.

Fasce di rischio

Il nuovo dpcm anti-Covid prevederà un coprifuoco nazionale nelle ore serali. Lo ha detto ieri il premier Conte, che così ha spiegato la misura: “Si interverrà a livello graduale a seconda della soglia di criticità che si registra nelle varie regioni”.

“Ci saranno ‘tre aree’ con tre scenari di rischio e con misure via via più restrittive. Potrebbero essere la Calabria, il Piemonte e la Lombardia le regioni che potrebbero rischiare misure restrittive. Vietato lo spostamento tra le regioni più a rischio a meno che non ci siano motivi di lavoro, di salute e di estrema urgenza. Chiusi musei, mostre, centri commerciali nei festivi e prefestivi. Didattica a distanza per le superiori. Riduzione al 50% del limite di capienza dei mezzi di trasporto pubblici”.

Pronta inoltre la chiusura dei centri commerciali, dei centri slot, dei musei e delle mostre nei giorni festivi e prefestivi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.