Napoli, operai della Whirlpool bloccano i binari dell’alta velocità

"A Napoli - ha spiegato l'Ad della Whirpool - l’attività produttiva è già terminata a fine ottobre, non è possibile tornare indietro"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34
Lavoratori Whirlpool bloccano AV alla stazione di Napoli (Fonte: Huffington Post)

Blitz dei lavoratori della Whirlpool di via Argine alla stazione centrale di Napoli. Gli operai hanno raggiunto i binari dei treni ad alta velocità allo scopo di bloccare i convogli in partenza e in arrivo a Napoli.

Sono circa 200 i lavoratori che hanno bloccato i binari, scrive Ansa. Espongono striscioni e scandiscono slogan contro la multinazionale americana. Ma le speranze di una ripresa del lavoro sono al lumicino “L’attività produttiva è già terminata a fine ottobre, non è possibile che l’azienda torni sui suoi passi”, ha dichiarato oggi al Corriere l’ad di Whirlpool Italia e dell’area Emea, Luigi La Morgia, “Su Napoli non torneremo indietro, ma aiuteremo la ricollocazione”, ha aggiunto.

La Morgia: “A Napoli non c’è futuro per la Whirlpool”

A Napoli, ha spiegato La Morgia, “l’attività produttiva è già terminata a fine ottobre, non è possibile tornare indietro: le lavatrici di alta gamma che erano prodotte a Napoli non hanno più mercato, quel modello non è più sul mercato. Da due anni diciamo che la produzione nello stabilimento di Napoli non ha futuro”.

“Abbiamo provato in ogni modo a farlo funzionare. Ci abbiamo investito 100 milioni di euro negli ultimi 10 anni. Una volta esperite tutte le possibilità, però, bisogna affrontare il problema e cercare soluzioni vere, stabili, non a brevissima gittata”.

“L’impegno di una multinazionale nei confronti di una nazione è legato al valore che essa è in grado di generare. Whirlpool resterà il primo produttore di elettrodomestici in Italia. Detto questo – ha concluso La Morgia – nemmeno Whirlpool può esimersi dal fare i conti con il mercato“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.