Mose, Conte: “Non siamo qui per passerelle, ma per verifica lavori”

Il premier a Venezia partecipa alle prove delle paratie destinate a proteggere la città dalle maree

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26
mose
Le paratie del Mose

“Siamo qui per un test, non per una passerella. Il governo vuole verificare l’andamento dei lavori. Siamo qui augurandoci che il Mose possa funzionare e rispondere all’obiettivo. Abbiamo un approccio laico e pragmatico”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte alla ‘prova generale’ del Mose di Venezia. Il premier sta partecipando alla prova delle paratie destinate a proteggere la città dalle maree, con i ministri De Micheli e D’Incà. Per l’evento di oggi la Laguna è stata completamente chiusa al traffico marittimo. Per questo primo test completo, vengono alzate tutte le 78 dighe mobili del sistema Mose, pensato per salvare la città dall’acqua alta, sempre più frequente.

L’ultimo sforzo

“E’ giusto avere dubbi, è giusta la dialettica, ma dico a chi sta protestando, ai cittadini e intellettuali, concentriamoci sull’obiettivo di completare il Mose” ha aggiunto Conte. “Facciamo in modo che funzioni. Di fronte all’ultimo miglio la politica si assume le proprie responsabilità e decide che con un ulteriore sforzo finanziario si completa e si augura che funzioni”. “Questa opera – ha aggiunto il premier – ha attirato critiche e dibattiti, è stata avversata e auspicata, rallentata nell’esecuzione, su cui si sono addensati episodi di corruzione e malaffare che ne hanno compromesso il completamento. Non dobbiamo dimenticare nulla, è la storia”, ha concluso Conte.

Paratie

Già da qualche minuto hanno iniziato a spuntare dall’acqua le grandi paratie gialle del Mose. Conte, poco fa, ha dato il via al sollevamento alle tre bocche di porto. I parallelepipedi emergono lentamente dal fondale. Quando la schiera sarà completata verrà separata fisicamente la laguna di Venezia dal mare aperto. I lavori del Mose termineranno entro il 31 dicembre 2021.

Contro il Mose

Intanto, alcuni ambientalisti e comitati contro le grandi navi in laguna hanno avviato una manifestazione di protesta. A loro dire l’opera, che ha richiesto anni di lavoro e finanziamenti ingenti, sarebbe obsoleta.

Le dichiarazioni di Conte

Ragionevolmente ci sono le condizioni per proseguire lo stato di emergenza per il coronavirus dopo il  31 luglio”, ha dichiarato il premier Conte al margine della cerimonia generale del Mose. “Lo stato di emergenza serve per tenere sotto controllo il virus. Non è stato deciso tutto, ma ragionevolmente si andrà in questa direzione”. “Per noi la legalità è fondamentale – ha detto Conte – anche adesso che stiamo mandando in Gazzetta ufficiale il Decreto semplificazioni. Io l’ho detto – ha aggiunto –l’Italia ha bisogno di correre. Dobbiamo avere il coraggio di dirci che in questa situazione siamo in grave emergenza, in grave recessione. Per correre dobbiamo accelerare le procedure. Nel contempo, però, dobbiamo rafforzare i presidi di legalità anti-corruzione, i protocolli anti-mafia”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.