Duplice omicidio in Calabria: marito e moglie uccisi a colpi di fucile

Secondo i primi rilievi, entrambe le vittime sarebbero state uccise da colpi sparati da un’arma lunga. I corpi trovati dal figlio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:50
Il luogo del delitto

Due persone, Giuseppe Cotroneo, di 58 anni, e Francesca Musolino, di 51, marito e moglie, sono state uccise con alcuni colpi di fucile mentre raccoglievano le olive a Calanna, a Reggio Calabria. Il duplice omicidio è avvenuto ieri, mercoledì 9 dicembre.

Secondo le prime indiscrezioni, a trovare i corpi senza vita sarebbe stato uno dei due figli della coppia, che si era allontanato per trasportare le prime cassette di olive poco prima degli spari.

Le indagini

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno eseguito i rilievi e cercato di ricostruire la dinamica del delitto, coordinati dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria Gerardo Dominijanni e dal pm di turno Flavia Modica.

Il giovane, avrebbe riferito agli investigatori, avrebbe udito dei colpi di arma da fuoco e preoccupato sarebbe tornato indietro, precipitandosi al campo, trovando i genitori morti.

Secondo i primi rilievi, entrambe le vittime sarebbero state uccise da colpi sparati da un’arma lunga. Impossibile, dicono fonti vicine alle indagini, stabilire se a sparare sia stata una o più persone. Toccherà agli accertamenti tecnici sul posto e sui corpi raccontare la dinamica del delitto, riporta Repubblica, per approfondire il contesto familiare, lavorativo e relazionale dei due.

Esclusa la pista mafiosa

Moglie e marito non erano soggetti noti alle forze dell’ordine, né – dicono i primi accertamenti – pare avessero parentele pesanti fra i clan della zona. Gli accertamenti proseguono a 360 gradi, ma il dato, secondo indiscrezioni, starebbe portando gli investigatori ad escludere un delitto di ‘Ndrangheta.

L’ipotesi più accreditata, secondo quanto filtra, è che si tratti di un duplice omicidio legato a questioni di vicinato o in ambito familiare. Francesca Musolino e Giuseppe Cotroneo sono stati colpiti in mezzo al campo, non sono caduti in un agguato. Si cercano possibili testimoni in grado di dare dettagli utili per identificare il killer.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.