Covid: in Germania superata la soglia dei 20mila morti

Mercoledì record di decessi giornalieri. Merkel al Bundestag: "Non mi rassegno a tanti morti, servono restrizioni più dure"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:14

Il numero delle vittime della pandemia, e cioè dei pazienti morti con e per il Covid in Germania, ha superato la soglia dei 20.000: stando al Robert Koch Institut, con i 440 decessi registrati nelle ultime 24 ore, il bilancio sale a 20.372. I nuovi positivi sono 23.648 e il totale dei casi accertati a 1.242.203.

Natale blindato in Germania

Ieri, l’accorato intervento della cancelliera Merkel al Bundestag: “Non mi rassegno a tanti morti, servono restrizioni più dure”. L’intensità dell’intervento di Angela Merkel al Bundestag non è passata inosservata e il quotidiano tedesco Bild ha titolato “Merkel supplica… Il discorso più emotivo della cancelliera”, rimarcando l’inusuale atteggiamento mostrato dalla cancelliera.

L’occasione è stata l’appello alla necessità di ridurre i contatti anche nelle Festività per frenare l’epidemia di Covid-19 che ieri aveva fatto registrare il record di decessi giornalieri, 590. Merkel ha affermato, con voce quasi rotta, che “se la scienza chiede” di anticipare le vacanze, “si deve trovare una strada”.

Ulteriori restrizioni

“Mi dispiace, mi dispiace di cuore – ha ripetuto ieri Merkel alla Nazione in uno dei passaggi più forti del discorso – ma i capannelli per il vin brulè non sono compatibili con le regole concordate”, vale a dire la chiusura dei ristoranti e la limitazione a prendere il cibo da asporto.

La cancelliera ha anche sottolineato che “fino a Natale ci sono ancora due settimane, 14 giorni…”, ma al momento in Germania i contagi continuano ad aumentare. “E se il prezzo sono 590 morti al giorno – ha concluso con forza – questo non è accettabile!”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.