Covid, OMS: “In Europa si rischia un altro mezzo milione di morti”

Oms: "L'attuale ritmo dei contagi nei 53 paesi della regione europea suscita forte preoccupazione". Picchi di casi in Germania e Belgio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:07

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha manifestato preoccupazione per il ritmo in cui ha ripreso a diffondersi la pandemia da covid in Europa, stimando che da qui a febbraio si potrebbe registrare un altro mezzo milione di morti nel Vecchio Continente. Casi in aumento anche in Italia.

“L’attuale ritmo dei contagi nei 53 paesi della regione europea suscita forte preoccupazione”, ha detto il direttore per l’Europa dell’Oms, Hans Kluge, oggi in conferenza stampa, aggiungendo che una proiezione affidabile lascia prevedere “Un altro mezzo milione di morti da covid-19″ entro febbraio se l’attuale tendenza dovesse continuare.

Germania: record contagi da inizio pandemia

Il Robert Koch Institut ha registrato 33.949 nuovi casi di contagio da Covid in 24 ore in Germania (6000 in più rispetto alla scorsa settimana) e 169 decessi. Il numero dei contagi rappresenta un record assoluto dall’inizio della pandemia, dal momento che il numero massimo di positivi registrati in 24 ore era stato in precedenza 33.777 il 18 dicembre scorso. L’indicatore sull’ospedalizzazione, che rileva il carico delle terapie intensive su 100 mila abitanti è fermo però al dato di ieri di 3,62, decisamente lontano dal record toccato a Natale scorso quando segnò 15,5.

Belgio: più 36% contagi tra 25 e 31 ottobre

Sono circa 7.750 i casi quotidiani di Covid-19 e una ventina i decessi giornalieri riportati nella settimana dal 25 al il 31 ottobre secondo i dati distribuiti dall’Istituto Superiore di Sanità del Belgio. Lo riporta l’agenzia di stampa Belga. In aumento anche il numero dei test che salgono del 25%. L’aumento dei contagi segna un dato superiore del 36% rispetto alla settimana precedente, aumentati del 31% anche i ricoveri ospedalieri. Secondo i dati distribuiti dall’istituto infatti gli ospedali del Belgio stanno attualmente curando 1.858 pazienti affetti da Covid-19, di cui 343 in terapia intensiva. I dati della settimana tra 25 e il 31 ottobre mostrano anche un aumento dei decessi del 31% rispetto alla precedente, in tutto i decessi in Belgio da inizio pandemia sono ora 26.083. Per quanto riguarda la campagna vaccinale invece, stando all’istituto, l’87% degli adulti in Belgio ha ricevuto almeno una dose del vaccino.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.