Cgia: 292mila aziende in crisi, perdite di fatturato oltre il 70%

Il Covid ha portato nel 2020 perdite di fatturato che superano il 70% nel commercio, nei servizi alla persona e nell'intrattenimento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:06

Il Covid ha portato nel 2020 perdite di fatturato che superano il 70% per alcuni settori del commercio, dei servizi alla persona e dell’intrattenimento. Lo rivelano i calcoli dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre.

Nello specifico: agenzie di viaggio e tour operator hanno perso il 73,2%; attività artistiche, palestre, piscine, sale giochi, cinema e teatri il 70%; alberghi e alloggi il 53%; bar/ristoranti il 34,7%; noleggio e leasing operativo il 30,3%; commercio e riparazione di auto e moto il 19,9%.

Tracollo del commercio all’ingrosso

In termini assoluti, la perdita di fatturato più importante ha interessato il commercio all’ingrosso (-44,3 miliardi di euro). Seguono il commercio e riparazione auto e moto (-26,8 miliardi) bar e ristoranti (-21,3 miliardi di euro), le attività artistiche, palestre, sale giochi, cinema e teatri (-18,3 miliardi), il commercio al dettaglio (-18,2 miliardi), gli alberghi (-13,9 miliardi), le agenzie di viaggio e i tour operator (-9,3 miliardi).

Oltre 290 mila aziende in difficoltà

Secondo una recente indagine Istat, ricorda una nota della Cgia Mestre, sono 292 mila le aziende che si trovano in una situazione di seria difficoltà. Attività che danno lavoro a 1,9 milioni di addetti e producono un valore aggiunto che sfiora i 63 miliardi di euro. Il numero medio di addetti per impresa di queste aziende a rischio chiusura è pari a 6,5.

“E’ evidente – sottolinea la Cgia – che non tutti questi operatori economici chiuderanno definitivamente i battenti, tuttavia con lo sblocco dei licenziamenti previsto entro la fine del prossimo mese di marzo molti degli addetti di queste attività rischiano di trovarsi senza un’occupazione regolare”.

Lavoratori in nero

La crisi determinata dalla pandemia potrebbe inoltre avere un secondo effetto negativo: far aumentare a dismisura l’esercito degli abusivi e dei lavoratori in nero presenti in Italia: dei 1,9 milioni di addetti che rischiano il posto, molti di loro potrebbero finire tra le fila dell’economia sommersa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.