Ancora paura al nord: forti piogge e disagi per i trasporti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30

La pioggia non ha dato tregua alle regioni più colpite dal maltempo: la settimana si è aperta infatti con l’arrivo dalla Francia di una nuova perturbazione che porterà forti precipitazioni al Centro Nord.

“Il Patto di stabilità non sarà un problema per chi ha subito eventi catastrofici come il terremoto o eventi drammatici come le alluvioni”, ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio in un vertice ieri in prefettura a Genova. “I sindaci sappiano che non ci devono essere timori per gli investimenti per la sicurezza” spiegando che “il Governo sta mettendo a punto in questi giorni l’emendamento da inserire nella Legge di Stabilità”.

Una cella temporalesca si è infatti attivata su Genova e si sta spostando verso il Levante ligure, dove è scattata l’allerta 2. Intanto sono riprese le ricerche dell’anziano ancora disperso a Mignanego. Il maltempo sarà quindi in estensione al resto del Nord, al Lazio, all’Umbria al nord delle Marche e alla Sardegna. Peggiora anche in Abruzzo e nel nord della Campania. Secondo le previsioni le zone a rischio piogge forti saranno: Liguria (centro-orientale), alto Piemonte, Lombardia regioni di Nordest e regioni centrali tirreniche.

Anche in Piemonte torna la paura: tra le province più colpite quelle di Biella, dove è alto il rischio frane, e quella di Verbania, con i laghi Maggiore e Orta sorvegliati speciali. In provincia di Alessandria si lavora per riaprire le strade e far rientrare gli allagamenti.  C’è preoccupazione anche a Milano e in tutta la Lombardia. L’allerta idrogeologica è “Elevata” e si concentra nelle province di Lecco, Sondrio, Como e Varese. A Milano, in particolare, oltre ai disagi nelle linee metropolitane e alla chiusura di alcuni tratti di strada e sottopassi, si teme nuovamente per i possibili estesi allagamenti che potrebbero verificarsi se il fiume Lambro, in queste ore sorvegliato speciale, uscirà nuovamente dagli argini.  Problemi gravi si sono verificati anche in provincia di Varese (dove si contano due vittime), nel Bresciano e nel Bergamasco, a Pavia, mentre nel Cremonese e nel Mantovano sta scorrendo in queste ore la piena del Po.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.