CATALOGNA, LA CORTE COSTITUZIONALE ANNULLA LA DICHIARAZIONE DI INDIPENDENZA A presentare il ricorso era stato il governo di Madrid

359
catalogna

Battuta di arresto per il processo di indipendenza catalano. La Corte costituzionale spagnola ha revocato la mozione sull’indipendenza della Catalogna approvata a novembre dal Parlamento catalano, che prevedeva l’avvio del processo di separazione della regione dal resto della Spagna per arrivare a istituire una repubblica indipendente entro 18 mesi, accogliendo così il ricorso presentato dall’esecutivo di Madrid.

La mozione era stata sospesa dalla stessa Corte costituzionale lo scorso 11 novembre in attesa di una sua decisione finale, che è arrivata oggi. Il pronunciamento della Corte era giunto dopo il ricorso presentato dal governo di Madrid.

A novembre scorso il Parlamento di Barcellona aveva approvato, con 72 deputati a favore e 63 contrari, una mozione che stabiliva l’inizio del processo verso la costituzione di uno stato indipendente “sotto forma di repubblica”. All’iniziativa si era opposto il governo centrale di Madrid che aveva deciso di appellarsi alla Corte Costituzionale.

Da sempre Madrid si è opposto con fermezza per bloccare le richieste secessioniste della Catalogna. Il premier spagnolo, Mariano Rajoy, ha definito in più occasioni la mozione approvata dal Parlamento di Barcellona contraria alla Costituzione. Il primo ministro ha inoltre ribadito la sua intenzione di agire fermamente – finchè lui sarà in carica – per evitare che la Spagna venga divisa.

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS