San Leandro di Siviglia, primogenito di una famiglia di santi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:15

San Leandro di Siviglia, Cartagena (Spagna), 545 ca.- Siviglia (Spagna), 13/03/600 ca. Il padre, Saveriano, muore prematuramente e Leandro, primogenito, deve prendersi cura dei tre fratelli minori: Isidoro, Fulgenzio e Fiorentina (anche loro tutti canonizzati).

Avvenimenti

• Diventa monaco benedettino.

• Converte al cristianesimo e battezza Ermenegildo, figlio del re Leovigildo. Il giovane, ribellatosi al padre, viene fatto uccidere. Per questo tragico evento Leandro fugge dalla Spagna e si rifugia a Costantinopoli, dove ha modo di entrare in grande amicizia con il futuro papa Gregorio Magno, che in quel tempo dimora nella città.

•Nel 583 circa può tornare a Siviglia: l’anno successivo è consacrato vescovo di Écija (Andalucìa). La sua opera più importante è la conversione dall’arianesimo del re Recaredo e di molti Visigoti.

• Di lui sono rimasti: una Regola monastica femminile, scritta per sua sorella, e un discorsa a favore della Chiesa cattolica, tenuto al concilio di Toledo.

Morte

Affetto dalla gotta, sopporta gravi sofferenze. Passa gli ultimi anni di vita in preghiera e in penitenza.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.