Accadde oggi: nel 2002 Padre Pio viene proclamato Santo (VIDEO)

La storia del primo sacerdote che ha portato con sé, durante la sua vita, i segni della sofferenza di Gesù sulla croce

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:08

«L’amore tutto dimentica, tutto perdona». Sono le parole di Padre Pio da Pietrelcina, il primo sacerdote a portare sul corpo i segni della croce che viene proclamato da Papa Giovanni Paolo II il 16 giugno 2002. 

Video editato de ©PadrePioTv

Le prime apparizioni

Nel 1902 intraprese il percorso ecclesiastico quando ricevette l’assenso per entrare in convento, al seguito del quale dichiarò di avere le prime apparizioni di Maria e Dio che lo benedicevano e a soli 15 anni divenne fra Pio. Padre Pio era già al centro dell’opinione pubblica. Il frate morì il 23 settembre 1968 all’età di 81 anni nella provincia di Foggia dove venne celebrato un funerale con più di centomila fedeli provenienti da ogni parte d’Italia.

Il giorno della santificazione

Quel giorno in piazza San Pietro, a Roma, c’erano migliaia di fedeli che formavano un fiume colorato per tutte le vie che costeggiano la zona Ottaviano per assistere alla santificazione di Pio da Pietrelcina, conosciuto come Padre Pio. Una data importante per la chiesa cattolica che in quella situazione confermò il suo numero di seguaci sparsi in tutti il mondo, in quella data all’alba erano circa 50 mila le persone accampate nei pressi del vaticano. Francesco Forgione, il vero nome di Padre Pio, nacque a Pietrelcina in provincia di Benevento il 25 maggio 1887, sin dall’adolescenza manifestò il gran desiderio di voler dedicare la propria vita al prossimo. La sua santificazione viene festeggiata proprio nella data della sua morte. San Giovanni Rotondo, luogo in cui il Santo passò gli ultimi anni della sua vita, è tutt’oggi uno dei posti legati alla cultura religiosa più visitato al mondo, racchiudendo tra i suoi paesaggi un’aria di tranquillità e pace assoluta che invita senza dubbio alla preghiera e alla devozione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.