San Pietro Favre, il primo compagno di Ignazio di Loyola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

San Pietro Favre, sacerdote gesuita Villaret (Francia), 13/04/1506 – Roma, 1/08/1547. Proviene da una famiglia contadina. E’ il più anziano e il primo compagno di Ignazio di Loyola.

Avvenimenti

• Nel 1525 si reca a Parigi nel collegio di Santa Barbara, dove ha come compagno di stanza prima solo Francesco Saverio e in seguito anche Ignazio di Loyola. Tra i tre si sviluppa una profonda amicizia.

Nel 1530 consegue la laurea in legge. Nel 1534 è ordinato sacerdote: il 15 agosto nella chiesa di Santa Maria di Montmartre celebra la Messa, durante la quale pronunciano i voi i primi componenti della nascente Compagnia di Gesù.

Insegna per due anni teologia all’Università La Sapienza di Roma.

• É il fondatore della prima comunità della Compagnia di Gesù in Germania.

• Anche in Belgio, Portogallo e Spagna svolge la sua missione di predicatore itinerante: predica, tiene esercizi spirituali e visita monasteri con una dedizione totale, sopportando grandi. fatiche che minano per sempre la sua salute.

• Scrive il Memoriale, una specie di diario spirituale.

Aneddoti

• Viaggia con il fagotto dei suoi scritti intorno al collo.

Fa il voto di non accettare nessun pagamento e compenso per i suoi servizi spirituali.

Spiritualità

Grande spirito di preghiera. Pronta obbedienza. Angelica purezza.

Morte

Paolo III lo vuole come teologo al concilio di Trento: Pietro obbedisce prontamente e intraprende il lungo viaggio, nonostante le sue cattive condizioni di salute e l’estate troppo calda. Arriva a Roma il 17 luglio e muore il 1° agosto tra le braccia di Ignazio. I suoi resti mortali vengono collocati nell’antica chiesa del Gesù a Roma ma con la ricostruzione della nuova chiesa sono andati perduti. E’ canonizzato nel 2013.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.