Caso Gioele, quanto è ormai difficile trovare la verità di questo giallo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Cara redazione di Interris.it sto seguendo attraverso i vostri articoli la vicenda del piccolo Gioele. Ho letto l’intervista alla criminologa, l’editoriale del fondatore del quotidiano don Aldo Buonaiuto e tutti gli aggiornamenti dei giornalisti, compreso quest’ultimo di Manuela Petrini dove purtroppo si capisce quanto sia ormai difficile trovare la verità di questo giallo. Ma perché? Perché tutto si è così complicato?

Questa domanda non riesco a togliermela dal testa! Il fatto di cronaca è già di per sé terribile e lascia senza parole. Ma a una storia cosi drammatica si aggiunge il tormento di indagini che faticano a trovare una direzione e che, peggio, sembrano essersi smarriti. Cosa c’è dietro? Semplice e colpevole noncuranza o doloso depistaggio?

Che cos’è la piramide di luce, quello strano rituale che si svolgeva in quei giorni? Ed ancora: le immagini del drone che identificavano già il corpo e che non sono state viste… Non so, non mi torna qualcosa in questa storia e non vorrei che fossero quelle cose che si preferiscono non raccontare… per fortuna un quotidiano impegnato come il vostro non demorde!

Giovanna F. (Roma)

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.