MARTEDÌ 17 APRILE 2018, 18:35, IN TERRIS


GRAN BRETAGNA

"Io, sacerdote, ho dato l'unzione degli infermi ad Alfie"

La testimonianza di padre Gabriele Brusco, che ha amministrato il sacramento al piccolo

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Alfie Evans
Alfie Evans
“N

on potevo portare Alfie in Chiesa ma abbiamo portato la Chiesa ad Alfie”. Sono parole di estrema poesia quelle pronunciate a La Nuova Bussola Quotidiana da Thomas Evans, papà del piccolo inglese che i medici e i giudici vogliono far morire per il suo “miglior interesse”. Le ha pronunciate dopo che padre Gabriele Brusco, sacerdote cattolico italiano, si è recato in ospedale e ha impartito l’unzione degli infermi ad Alfie.

Padre Gabriele ha 46 anni, vive a Londra, dove lavora nella diocesi di Westminster. Ha deciso di partire in treno ieri, 16 aprile, per raggiungere l’Alder Hey Hospital di Liverpool e svolgere il suo ministero in una situazione di emergenza, per dare concretezza al concetto per cui la Chiesa è madre. Infatti il piccolo Alfie, cattolico battezzato, può morire da un momento all’altro per il distacco del sostegno vitale e, fino a ieri, non aveva ricevuto l’unzione degli infermi.

“Ho visto l’articolo di Benedetta Frigerio (inviata de La Nuova Bussola Quotidiana a Liverpool, ndr) e ho voluto informarmi”, spiega il prete a In Terris. “Nel caso non avessero incontrato nessun sacerdote - continua -, sarei potuto andare nel mio giorno libero, il lunedì”. Padre Gabriele non aveva alcuna certezza che sarebbe riuscito a raggiungere la stanza di Alfie e impartire il sacramento. “Sarei comunque andato a pregare e a visitare Liverpool. Alla fine non ho visitato Liverpool”, commenta.

Già, perché padre Gabriele è entrato, accolto amabilmente dai familiari, ha impartito l'unzione degli infermi al piccolo, che aveva un Rosario posato su un piedino e una croce in legno tra le braccia. “I genitori sono giovani e battaglieri - racconta -. Amano il figlio, la sua vita non si mette in discussione. La mamma Kate è dolce, Thomas è inquieto ma ha principi chiarissimi”. Inquietudine che, come inevitabile, è aumentata poche ore dopo la visita di padre Gabriele, quando la Corte d’Appello ha autorizzato i medici a rimuovere la ventilazione assistita che consente ad Alfie di vivere. Il martello dei giudici si è abbattuto e ha ostacolato la volontà dei genitori di trasferire il figlio al "Bambino Gesù" di Roma, disposto a farsene carico.

“Si sta attaccando la vita di un innocente con astrusi ragionamenti pagani, e il principio di autorità che origina in Dio ma che si manifesta nella famiglia”, sostiene padre Gabriele. Che aggiunge: “Eliminando Dio, famiglia e sacralità della vita, la nostra società malata non si rende conto che sta annichilendo la sua stessa esistenza. I giudici stanno solo manifestando ciò che si è incubato in anni di relativismo intellettuale e morale”. Il sacerdote, che non esita a definire questo un caso di “eutanasia”, ritiene che l’assurdo stia prevalendo sulla logica: “Come si può dire che sia nel ‘miglior interesse’ del bambino morire anziché avere convulsioni, che per i medici potrebbero avvenire, ma anche non avvenire, durante il trasferimento in un altro ospedale..?”.

Nonostante tutto, la fiamma della fede e della speranza resta accesa. Padre Gabriele guarda metaforicamente al cielo e dice: “L’unzione si fa per la guarigione dell’anima più che del corpo, ma non si esclude il miracolo. Nel quale io spero vivamente”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte dei Conti
POLITICA FISCALE

Corte dei Conti: "Taglio tasse? Strategie di lungo respiro"

Lo hanno detto le Sezioni riunite dell'organo di rilievo costituzionale
LAZIO

Roma, pittore ucciso: fermato un 18enne

Per l'omicidio di Umberto Ranieri è indagato un giovane originario della Tunisia
Barchetta di carta con foto di immigrati
MIGRANTI

Sea Watch chiede soldi: "Aiutateci a difendere i diritti umani"

Colletta dell'ong per le spese legali da affrontare se sbarca in Italia. Salvini: "Nave fuorilegge"
Il garage a Chiavari in cui è stato ucciso Orazio Pino
CHIAVARI

Omicidio Orazio Pino: arrestato il presunto assassino

Si tratterebbe di Sergio Tiscornia, fidanzato dell'amante della vittima
Antonio Stano
NERA

Manduria, morte di Stano: altri nove arresti, otto minori

Dalle carte emerge anche un nuovo episodio nei confronti di un'altra persona con disturbi mentali
Carabinieri in azione
NAPOLI

Maxi colpo alla Camorra: 126 arresti in tutta Italia

Persone considerate appartenenti ai clan Contini, Mallardo e Licciardi
 Migranti al confine tra Stati Uniti e Messico
MESSICO

Migranti Usa: morti una donna e 3 bimbi

Le autorità: "Decedute per disidratazione ed esposizione all'eccessivo caldo"
Manifestazione pro-Tav a Verona
TORINO - LIONE

Tav: il finanziamento dell'Ue salirà al 55%

Toninelli: "Rimango sempre dell'idea che i soldi possano essere impiegati meglio"