MARTEDÌ 17 APRILE 2018, 18:35, IN TERRIS

GRAN BRETAGNA

"Io, sacerdote, ho dato l'unzione degli infermi ad Alfie"

La testimonianza di padre Gabriele Brusco, che ha amministrato il sacramento al piccolo

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Alfie Evans
Alfie Evans
“N

on potevo portare Alfie in Chiesa ma abbiamo portato la Chiesa ad Alfie”. Sono parole di estrema poesia quelle pronunciate a La Nuova Bussola Quotidiana da Thomas Evans, papà del piccolo inglese che i medici e i giudici vogliono far morire per il suo “miglior interesse”. Le ha pronunciate dopo che padre Gabriele Brusco, sacerdote cattolico italiano, si è recato in ospedale e ha impartito l’unzione degli infermi ad Alfie.

Padre Gabriele ha 46 anni, vive a Londra, dove lavora nella diocesi di Westminster. Ha deciso di partire in treno ieri, 16 aprile, per raggiungere l’Alder Hey Hospital di Liverpool e svolgere il suo ministero in una situazione di emergenza, per dare concretezza al concetto per cui la Chiesa è madre. Infatti il piccolo Alfie, cattolico battezzato, può morire da un momento all’altro per il distacco del sostegno vitale e, fino a ieri, non aveva ricevuto l’unzione degli infermi.

“Ho visto l’articolo di Benedetta Frigerio (inviata de La Nuova Bussola Quotidiana a Liverpool, ndr) e ho voluto informarmi”, spiega il prete a In Terris. “Nel caso non avessero incontrato nessun sacerdote - continua -, sarei potuto andare nel mio giorno libero, il lunedì”. Padre Gabriele non aveva alcuna certezza che sarebbe riuscito a raggiungere la stanza di Alfie e impartire il sacramento. “Sarei comunque andato a pregare e a visitare Liverpool. Alla fine non ho visitato Liverpool”, commenta.

Già, perché padre Gabriele è entrato, accolto amabilmente dai familiari, ha impartito l'unzione degli infermi al piccolo, che aveva un Rosario posato su un piedino e una croce in legno tra le braccia. “I genitori sono giovani e battaglieri - racconta -. Amano il figlio, la sua vita non si mette in discussione. La mamma Kate è dolce, Thomas è inquieto ma ha principi chiarissimi”. Inquietudine che, come inevitabile, è aumentata poche ore dopo la visita di padre Gabriele, quando la Corte d’Appello ha autorizzato i medici a rimuovere la ventilazione assistita che consente ad Alfie di vivere. Il martello dei giudici si è abbattuto e ha ostacolato la volontà dei genitori di trasferire il figlio al "Bambino Gesù" di Roma, disposto a farsene carico.

“Si sta attaccando la vita di un innocente con astrusi ragionamenti pagani, e il principio di autorità che origina in Dio ma che si manifesta nella famiglia”, sostiene padre Gabriele. Che aggiunge: “Eliminando Dio, famiglia e sacralità della vita, la nostra società malata non si rende conto che sta annichilendo la sua stessa esistenza. I giudici stanno solo manifestando ciò che si è incubato in anni di relativismo intellettuale e morale”. Il sacerdote, che non esita a definire questo un caso di “eutanasia”, ritiene che l’assurdo stia prevalendo sulla logica: “Come si può dire che sia nel ‘miglior interesse’ del bambino morire anziché avere convulsioni, che per i medici potrebbero avvenire, ma anche non avvenire, durante il trasferimento in un altro ospedale..?”.

Nonostante tutto, la fiamma della fede e della speranza resta accesa. Padre Gabriele guarda metaforicamente al cielo e dice: “L’unzione si fa per la guarigione dell’anima più che del corpo, ma non si esclude il miracolo. Nel quale io spero vivamente”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I giocatori della Dea festeggiano Gosens dopo il gol del 3-0
CHAMPIONS LEAGUE

Atalanta agli ottavi, un'impresa da Dea

Dai tre k.o. nelle gare d'andata alla qualificazione fra le prime otto d'Europa. Una scalata verso la storia
IL PUNTO POLITICO

Quel che resta dopo il Mes

La maggioranza tiene e approva la risoluzione sul Fondo salva Stati, ma nel M5S votano contro in quattro parlamentari
Il sindaco di Scalea Gennaro Licursi
COSENZA

Si assenta dal posto di lavoro: arrestato il sindaco di Scalea

Sospensi tre dipendenti dell'Asp accusati di essere complici del primo cittadino, Gennaro Licursi
Pastore con le greggi
UNESCO

La Transumanza è Patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Bellanova: "Siamo fieri di questo riconoscimento per la tradizione rurale italiana"
Il crollo a Montelupo Fiorentino
FIRENZE

Crolla muro a Montelupo: evacuate 5 famiglie

Il Sindaco: "Ho temuto il peggio, zona altamente frequentata per la presenza di ristoranti"
Marta Cartabia

Buone notizie

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione...
Giuseppe Conte in Senato
IL VOTO

Mes, il governo supera lo scoglio del Senato

Ok delle Camere alla risoluzione della maggioranza ma il M5s si spacca sui dissidenti
ISTRUZIONE

E' boom di ripetizioni

Uno studente su tre prende lezioni private per alzare la media dei voti o per recuperare il deficit di apprendimento nelle aule...
FONDO SALVA STATI

Conte in Parlamento: non dividiamo l'Ue

Le comunicazioni del premier in vista del Consiglio Europeo del 12 e 13 dicembre. Tre parlamentari M5S pronti a passare alla...
Dettaglio dei graffi sulla Luna di Saturno, Encelado
SPAZIO

Chi ha graffiato la superficie di Encelado?

Ecco cosa sta succendento sulla luna di Saturno
Marta Cartabia
CORTE COSTITUZIONALE

Cartabia presidente: prima donna a guida della Consulta

Il suo mandato durerà nove anni ma sarà di portata storica: "Ho rotto un cristallo, spero di fare da...
Una studentessa nell'Università di Tokyo - Foto © Andrea DiCenzo per The New York Times
DISCRIMINAZIONE

Ragazze sempre più sole nelle università giapponesi

La denuncia del New York Times. In poche accedono a un'alta formazione