MARTEDÌ 13 AGOSTO 2019, 16:57, IN TERRIS

SCOPERTE SCIENTIFICHE

Due nuove cure per l’Ebola salvano il 90% dei pazienti

Le terapie sperimentali abbassano la mortalità dell’11 e del 6%. Saranno usate per l’epidemia che sta decimando il Congo

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
A

rriva una speranza per i malati di ebola della Repubblica Democratica del Congo. Il paese centrafricano, che ha visto morire nell’ultimo quasi 1.900 persone, come riporta l’Organizzazione mondiale della sanità, per l’epidemia del virus, è stato infatti laboratorio per quattro nuovi trattamenti di cui due – quelli dichiarati efficaci dopo i test preliminari – hanno consentito di abbassare il tasso di mortalità dei pazienti colpiti dall’infezione fino al 90% circa. In un caso la mortalità è stata ridotta fino al 6%, nell’altro all’11%. I promettenti risultati derivano dall’aver preso in cura soggetti che hanno contratto la malattia, che si può trasmettere attraverso i fluidi corporei, da pochi giorni. Le due nuove terapie, fanno sapere l’Oms, il National Institute of Health e Jean Paul Mayembe, direttore dell’Istituto di ricerca del Congo, saranno usate per curare tutti i casi nel paese.


L’epidemia

Ebola è un virus identificato nel 1976 che nei soggetti colpiti causa vomito, febbri, disturbi intestinali, disidratazione, emorragie interne fino ad essere mortale. Secondo l’Oms in un solo anno, dall’agosto 2018, l’infezione ha ucciso 1.891. I casi di  Ebola in Congo, scrive il Guardian, sarebbero 2.800. Si tratterebbe la seconda ondata più grave di sempre dopo quella che tra il 2014 e il 2016 ha mietuto 10mila vittime nell’Africa occidentale, come scrive Il Post. Fino alla scoperta di queste nuove cure, uno dei maggiori ostacoli al contrasto dell’epidemia è stata la sfiducia nelle medicina da parte delle comunità colpite. Il Guardian, citando Muyembe, scrive che oltre il 70% dei malati moriva. Vedere i propri cari entrare nei centri dei trattamenti e non uscirne vivi non ha contribuito a diffondere l’adesione alle cure nella popolazione. Ebola era vissuta come una condanna a morte.


I trattamenti

“Da adesso non diremo più che l’ebola è incurabile. Questi progressi salveranno centinaia di vite”, afferma Muyembe. All’inizio i test effettuati negli Stati Uniti dall’Oms e dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive americano hanno riguardato i trattamenti di quattro aziende farmaceutiche: lo ZMapp della  Mapp Biopharmaceutical, già usato per le epidemie di ebola in Sierra Leone, Liberia e Guinea; il Redesimvir della Gilead Sciences; il REGN-EB3 delle Renegeron Pharmaceuticals; il mAb-114 sviluppato dall’Istituto americano e distribuito dalla Ridgeback Biotherapeutics. I primi due sono stati scartati per i tassi di mortalità sia tra i pazienti da malati da poco, 24% nel caso del ZMapp e 33% in quello del Redesimvir, che in quelli infetti da giorni, entrambi oltre il 50 %. Gli altri sono quelli che hanno ridotto fino al 90% e oltre la mortalità, dell’11% il mAb-114 e del 6% il REGN-EB33 in chi aveva solo di recente contratto l’infezione, del 34% e del 29% in chi era malato da più tempo.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Veronica Panarello
LA SENTENZA

Omicidio Loris, confermati 30 anni a Veronica Panarello

La Cassazione ha ritenuto valide le motivazioni del processo di Appello. Il bimbo fu ucciso il 29 novembre 2014
Uno dei box di Fondazione Ania presso il Teatro Massimo di Palermo
PREVENZIONE

Da Torino a Roma, visite gratis in piazza

Controlli medici gratuiti per diffondere i corretti stili di vita
La Corte di Cassazione
ROMA

Cassazione: ok a referendum su legge elettorale

Adesso la parola passa alla Consulta che dovrà prendere una decisione entro il 21 gennaio 2020
treno merci
PISA

Ragazzo travolto da un treno

Sull'episodio indaga la Polfer di Pisa, insieme alla polizia scientifica
LOMBARDIA

Violenta la moglie con amici

Un 40enne organizza uno stupro di gruppo ai danni della donna; i due si stavano separando.
Open Arms
MEDITERRANEO

Migranti, 73 persone salvate da Open Arms

A bordo della nave ong anche 24 minori non accompagnati. Altri 125 imbarcati su Ocean Viking
CAMPANIA

Donna si incatena davanti Tribunale: arrestate mio figlio

Il giovane tossicodipendente e pregiudicato è stato arrestato dopo che stava tentando di far saltare in aria la casa della...
L'ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e la nuova ministra al Viminale, Luciana Lamorgese - Foto © Vantiy Fair
MIGRANTI

Multe più basse alle Ong e protezione umanitaria: Lamorgese cambia il dl sicurezza

La ministra dell'Interno annuncia: "Pronto entro Natale"
Violenza sulle donne
DIOCESI DI MONREALE

Convegno contro la violenza sulle donne

Il prossimo 25 novembre, nel Palazzo Arcivescovile. Nell'occasione, sarà presentato il libro "Donne...
Una spa alpina
SPORT E NATURA

Belpaese a misura di trekking

Boom di viaggi relax in località naturalistiche. Venerdì 29 novembre la presentazione al Coni della guida...
carabinieri
FERRARA

Nonna uccisa a mani nude dal nipote

Una donna di 71 anni è stata uccisa dal proprio nipote all'interno di un'auto
IL PUNTO

La politica del tutto contro tutti

L’Ex Ilva, la riforma del fondo salva Stati e la manovra i temi che incendiano il dibattito politico