Santo del giorno - SAN GIUSEPPE DA COPERTINO

San Giuseppe da Copertino (Lecce), al secolo Giuseppe Maria Desa, nacque il 17 giugno 1603 da una famiglia di artigiani, il padre fabbricava carri. Passò la sua infanzia in santa semplicità e purezza di costumi, si diede con fervore alle pratiche di pietà, e per unirsi più strettamente a Dio che lo chiamava a grandi cose. Pensò di farsi sacerdote francescano anche se gli mancava la dovuta istruzione: sapeva appena leggere e scrivere.

Nel 1625, all’età di 22 anni, i frati presero a cuore la situazione e lo ammisero nella comunità, prima come oblato, poi come terziario laico fino a quando riuscì ad essere ordinato sacerdote il 18 marzo 1628, a Poggiardo, dopo aver terminato gli studi con volontà e difficoltà. Aveva manifestazioni mistiche che continuarono per tutta la vita e che, unite alle preghiere e alla penitenza, diffusero la sua fama di santità.

Eroica fu la sua carità verso i poveri, gli infermi, gli afflitti da qualsiasi tribolazione. La sua carità non escludeva neppure quelli che lo assalivano con oltraggi ed ingiurie, accettando tutto con la stessa pazienza, dolcezza e serenità che mostrò nel sopportare le tante e penose vicissitudini della sua vita. Giuseppe da Copertino ebbe il dono della scienza infusa, per cui gli chiedevano pareri perfino i teologi e seppe accettare la sofferenza con estrema semplicità. Morì il 18 settembre 1663 a 60 anni; fu proclamato santo il 16 luglio 1767 da papa Clemente XIII.

Accadde oggi

18 Settembre

1851 – Il New York Times inizia le pubblicazioni

1973 – La Repubblica Federale Tedesca e la Repubblica Democratica Tedesca vengono ammesse all'ONU 

1998 – Viene fondato l’ICANN, un ente di gestione internazionale che opera nell'ambito di Internet assegnando domini e indirizzi IP

Frase del giorno

"La Chiesa non ha bisogno di riformatori, ma di santi" (Georges Bernanos)

Il Santo di domani: SAN FEDERICO, vescovo e martire