L’impatto delle misure restrittive anti Covid negli Stati europei

Con il Covid sono state chiuse le frontiere al traffico passeggeri: uno shock per i fornitori di servizi e per molti cittadini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:17

Per arginare la pandemia da Covid-19, molti Stati in Europa hanno chiuso i propri confini in via temporanea, intaccando in misura diversa il benessere dei cittadini. Allora sono state introdotte misure restrittive di diversa entità, dalla chiusura delle frontiere al traffico passeggeri, al passaggio consentito ai soli pendolari.

I residenti delle regioni di confine si sono trovati così all’improvviso a non aver accesso alle strutture commerciali, educative, sanitarie o culturali dall’altra parte della frontiera. Il che si è tradotto in uno shock per i fornitori di servizi, che hanno visto calare la domanda di prodotti e servizi.

L’impatto delle misure restrittive anti Covid negli Stati europei

Non tutte le aree di confine in Europa però sono state interessate dalla chiusura dei confini, né le misure restrittive hanno avuto un analogo impatto. L’impatto maggiore, secondo una ricerca condotta dal programma studi Espon, specializzato in analisi regionali, è stato registrato lungo i confini del paesi del Benelux e della Germania, alle frontiere orientali dell’Austria e al confine portoghese-spagnolo. Di diversa intensità gli effetti verificatisi, seppur sporadicamente, in Europa centro-orientale e tra gli Stati baltici. Quasi nessun impatto, invece, è stato registrato tra i paesi nordici o lungo i confini nelle aree alpine e pirenaiche.

Secondo i ricercatori, l’impatto delle misure restrittive è dipesa da diversi elementi, come il numero dei valichi di frontiera, la qualità delle reti stradali, la distribuzione (e in taluni casi l’asimmetria) delle strutture di servizi nelle aree di confine. L’insieme di questi elementi generano peraltro percezioni diverse sulla chiusura delle frontiere tra la popolazione di entrambi i lati del confine.

Ci sono quindi aree di confine in Europa che dipendono in larga misura da strutture oltre confine, osservano i ricercatori, suggerendo ai decisori politici di identificare gli attraversamenti ed i servizi come elementi strategici per la fornitura di servizi, in particolare per il paese confinante.

In tale prospettiva, le misure transfrontaliere potrebbero contribuire in modo significativo a garantire questi servizi, ad esempio sotto forma di servizio pubblico transfrontaliero, in modo tale da renderli accessibili agli utenti dall’altra parte della frontiera in ogni circostanza.

Una maggiore permeabilità tra i confini in relazione ai servizi di interesse generale, concludono i ricercatori, andrebbe a vantaggio dei paesi interessati. Da un lato, aumenterebbe la domanda (potenziale) e nel caso di strutture pubbliche, come scuole, asili nido, ospedali, potrebbe anche generare economie di scala e contribuire a garantirne la fornitura a lungo termine. Dall’altro, migliorerebbe l’accessibilità ai servizi, assicurandone quindi l’erogazione. Contribuendo al benessere di tutti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.