Covid, Aifa: “Rafforzare le misure di protezione per Omicron”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51
Variante Omicron

“Non è scontato che in poche settimane la variante Omicron diventi prevalente in Italia. Non abbiamo dati sufficienti per affermarlo. In ogni caso è bene essere guardinghi e rafforzare le misure di protezione e prevenzione collettive ed individuali, vedi ricorso alla mascherina e al tampone. Le restrizioni in arrivo sono necessarie”. A dirlo è Giorgio Palù, virologo del Comitato tecnico scientifico e presidente dell’Aifa

Omicron, Giovannini: “Non sono previste altre misure sui trasporti”

Al momento nel settore dei trasporti la cabina di regia di giovedì non prevederà ulteriori interventi. Lo afferma il ministro delle Instrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, a Radio24. “Al momento non prevediamo di cambiare con ulteriori misure – ha detto – Il green pass utilizzato nelle ultime settimane per il trasporto pubblico locale è già una misura piuttosto robusta”.

I vaccini somministrazioni ai bambini under 11

Sono 73.409 le somministrazioni di vaccino anti Covid a bambini tra i 5 e gli 11 anni finora. Lo riporta la struttura commissariale. A oggi in Italia sono state somministrate in totale 105.743.083 dosi. Lo riporta TgCom24.

Speranza: “Governo prudente sull’obbligo vaccinale per gli studenti”

“Sull’obbligo vaccinale agli studenti il governo è stato più prudente perché c’è un diritto essenziale, che è quello all’istruzione. Ho letto la richiesta dei sindaci che merita di essere approfondita, ma lo sforzo del governo è trovare condizioni per tutelare il più possibile la scuola”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, a Che tempo che fa. “Oltre 52mila bimbi tra 5-11 anni hanno già fatto la prima dose”, ha aggiunto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.