I sei pilastri su cui si basa la Cultura per realizzare il bene comune

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

Il 20 novembre è stato presentato l’aggiornamento del Comitato Scientifico della Fondazione Democrazia Cristiana. E’ composto da 3 Membri Emeriti: Alberto Alessi, Achille Colombo Clerici, Giuseppe Nisticò e altri 80 esperti, nelle più diverse discipline professionali, distribuiti in Gruppi di Lavoro di 21 Aree tematiche che corrispondono alle funzioni dei Ministeri e dei settori di attività più ricorrenti nella società.

Ma ci si chiederà: qual è la Mission culturale del Comitato Scientifico? E’ nella risposta al seguente quesito: è ancora possibile pensare cristianamente il futuro della società italiana e contribuire a costruire con laicità degasperiana la Polis, la città dell’Uomo? Noi del Comitato Scientifico della Fondazione Democrazia Cristiana pensiamo di Sì.

Perché pensiamo che sia possibile per realizzare Il Bene Comune, per il futuro dei giovani e i Millennials per lo sviluppo della società italiana, promuovere e sviluppare un’ampia cultura che possa sostenere la Visione di un progetto politico che non sia improvvisato e superficiale oppure legato al semplice leaderismo di un politico di destra, di sinistra, del sovranismo e dell’emozione di milioni di followers, ma che sia radicato nei cittadini, nel popolo italiano, su principi di un pensiero forte e comune, basato su valori fondanti, laici e cristiani, ed eticamente condivisi per poter affrontare le grandi difficoltà sociali, economiche, esistenziali, ma anche per saper utilizzare le grandi opportunità delle innovazioni tecnologiche dell’era digitale.

Per Noi questa Cultura è basata su 6 Pilastri:

– Umanesimo integrale: al centro, Persona e Dignità;

– Dottrina Sociale della Chiesa, con le Encicliche dei Pontefici, dalla Rerum Novarum di Leone XIII°, alla Populorum Progressio di Paolo VI°, alla Laborem Exercens di Giovanni Paolo II°, alla Caritas in Veritate di Benedetto XVI°, alla Evangelii Gaudium e alla Laudato Si’ di Papa Francesco;

– Popolarismo e Personalismo. I Testimoni che hanno fatto diventare nel 1987 l’Italia la VI^ Potenza industriale nel mondo;

– Ecologia integrale ed Etica ecologica, con il riferimento ai contenuti della Enciclica Laudato Sì;

– Costituzione della Repubblica Italiana;

– CEDU (Carta Europea dei Diritti Umani).

Noi vorremmo promuovere e sviluppare questa Cultura nei Millennials e nella società per contribuire a favorire la costruzione di progetti politici che si ispirino a questi principi per migliorare realmente le carenze di Bene Comune e di Etica nella società.

Adesso, 2020, mentre siamo in una fase di grave  emergenza economica, intervenuta a seguito dei DPCM del Governo giallo rosso di Giuseppe Conte, per contenere gli effetti della pandemia Covid19, ci sostiene, nelle nostre difficoltà personali e di comunità, l’insegnamento dei grandi Testimoni  Italiani del Popolarismo e della Democrazia Cristiana: Don Luigi Sturzo, Alcide de Gasperi, Aldo Moro e altri che hanno dimostrato che è possibile “Servire la Politica e non servirsi della politica” (Luigi Sturzo 101 anni fa!). E’ stato così possibile far sì che nel 1987 l’Italia raggiungesse l’obiettivo di VI^ Potenza industriale del mondo.

Ci sembra quindi appropriata al nostro tempo nel 2020, la frase di Aldo Moro dal suo ultimo discorso ai Gruppi Parlamentari il 28 Febbraio 1978, prima di essere rapito dalle Brigate Rosse e poi barbaramente ucciso, rimanendo un martire cristiano in Politica, un esempio morale per il futuro delle giovani generazioni dei Millennials e della società italiana:

“Se fosse possibile dire: saltiamo questo tempo e andiamo direttamente a questo domani, credo che tutti accetteremmo di farlo, ma, cari amici, non è possibile; oggi dobbiamo vivere, oggi è la nostra responsabilità. Si tratta di essere coraggiosi e fiduciosi al tempo stesso, si tratta di vivere il tempo che ci è stato dato con tutte le sue difficoltà…Camminiamo insieme perché l’avvenire appartiene in larga misura ancora a noi”.

Per concludere, aggiungo: siamo tutti in Cammino…Insieme…verso una meta comune…e finale per noi cristiani: la Visione Beatifica di Dio Creatore.

Antonino Giannone, professore Leadership and Ethics; Presidente Comitato Scientifico Fondazione Democrazia Cristiana

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.