Un nuovo modello di sviluppo e di concorrenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Hopin sembra essere diventata la nuova startup tecnologica dell’anno. Lo dicono gli investitori. “Direi che in qualsiasi evento ci sono più di 20 persone e 20 persone al massimo sono ormai poche! È allora che dovresti usare Hopin”, dice Johnny Boufarhat, fondatore e CEO di Hopin. “Perché con oltre 20 persone presenti in un software per meeting, la situazione diventa un po’ più difficile da gestire. Penso che il nostro più grande concorrente siano i webinar, perché questo è ciò che era la precedente concezione degli eventi”.

Boufarhat iniziò a lavorare su Hopin già prima della pandemia, cercando un applicativo per creare eventi online migliori, con più servizi. Dopo la laurea, Boufarhat viaggiò in Asia ma tornò a casa malato e rimase relativamente isolato per alcuni anni, durante la lenta guarigione. Iniziò a provare eventi online, ma niente sembrava che potesse sostituire l’essere lì di persona.

“Volevo partecipare a un evento proprio come nella vita reale“, ha detto. “Così ho iniziato a creare una piattaforma video che ti permettesse di farlo”. Invece di sentirsi come in un webinar, Hopin permette agli utenti di connettersi tra loro e unire le persone anche in conversazioni individuali. Ci sono sessioni in cui le persone possono riunirsi in tavole rotonde virtuali ed esporre in palcoscenici virtuali (consentendo ai relatori di parlare tra di loro nei “dietro le quinte”). È possibile anche organizzare mostre virtuali e aprire o chiudere sale espositive di più persone. Boufarhat rilasciò una prima versione di Hopin e si rese subito conto che c’era molta viralità nella sua invenzione.

Nei primi giorni, circa il 7% degli utenti finì per diventare “organizzatore di eventi”. Oggi quel numero è più vicino al 3%, ma “la viralità è stata ciò che ha guidato la sua crescita fino ad ora”, ha detto. La piattaforma di Hopin consente agli organizzatori di conferenze di gestire i loro incontri in modo digitale, con l’obiettivo di emulare l’esperienza di un evento fisico con strumenti per colloqui virtuali e networking. Ora sta cercando di espandere la sua gamma di prodotti, avendo recentemente acquisito il servizio di streaming video StreamYard e la società di sviluppo di app per dispositivi mobili Topi. Hopin ha lanciato la sua app mobile il mese scorso. “Ora stiamo cercando di espanderci in un’azienda multiprodotto, con la mission più importante di essere l’azienda che promuove l’accessibilità sul posto di lavoro“, ha detto alla CNBC Johnny Boufarhat.

L’ultimo round di finanziamento di Hopin è stato guidato da Andreessen Horowitz, General Catalyst e IVP, alcune delle più importanti società di venture capital della Silicon Valley. Come è normale oggi nelle trattative per le start-up, i colloqui per il finanziamento si sono svolti completamente a distanza. Boufarhat ha detto che c’era una concorrenza “aggressiva” tra gli investitori tecnologici per sostenere la sua azienda. La notizia del nuovo investimento arriva solo pochi mesi dopo che Hopin ha dichiarato di aver raccolto $ 125 milioni con una valutazione di $ 2,1 miliardi, in netto aumento rispetto a un precedente valore di mercato di $ 350 milioni. Segnala un continuo appetito tra i venture capitalist per le aziende tecnologiche in rapida crescita le cui attività sono state accelerate dal Covid-19.
Clubhouse, un’app di chat audio solo su invito, è esplosa in popolarità negli ultimi mesi. È cresciuto fino a oltre 10 milioni di utenti, tra cui celebrità come il CEO di Tesla Elon Musk e MC Hammer, e una valutazione di 1 miliardo di dollari, nonostante sia ancora in modalità beta e disponibile esclusivamente tramite l’App Store di Apple. Una versione Android dell’app è attualmente in lavorazione.

Hopin ha registrato una crescita simile a Clubhouse, con il numero totale di organizzazioni che ha organizzano eventi sulla sua piattaforma che quest’anno sono saliti a 80.000 da 50.000 di novembre. I clienti dell’azienda vanno da American Express a NATO. Anche l’organico dei dipendenti di Hopin è salito a 400 da appena sei all’inizio dello scorso anno. L’azienda ha un modello di business diverso da Clubhouse, tuttavia, concentrandosi sui clienti aziendali piuttosto che sui consumatori.

“È uno spazio completamente diverso”, ha detto Boufarhat quando gli è stato chiesto se considerava Clubhouse un concorrente. “Clubhouse si sovrappone molto agli eventi per i consumatori. Hopin oggi non organizza molti degli eventi di tipo consumer. Gestiamo molto di più sugli eventi B2B (business-to-business)”.

La piattaforma di eventi online Hopin ha dichiarato i primi di marzo di aver raccolto 400 milioni di dollari con una valutazione di 5,65 miliardi di dollari, più del doppio di quanto valeva in un round di investimento appena quattro mesi fa. La start-up con sede a Londra è stata fondata meno di due anni fa, ma ha visto aumentare la domanda per il suo software nella pandemia di Coronavirus.

Il boom dei servizi online causato dalla pandemia non è stato limitato a Hopin, ma ha visto applicazioni del calibro di Zoom, Amazon e Netflix che hanno semplificato la vita di molte persone durante questa pandemia da Covid. Ma ci sono serie preoccupazioni che alcune di queste piattaforme possano svanire man mano che i vaccini verranno distribuiti a più persone e i governi inizieranno a revocare le restrizioni alla vita pubblica. Boufarhat non è affatto turbato e dichiara: “Hopin è entusiasta quanto tutti gli altri per il vaccino.

L’azienda sta anticipando un futuro di eventi “ibridi” che coniuga la tecnologia con grandi eventi di persona. Da un punto di vista personale, sono stanco di essere a casa”, continua Boufarhat. “La maggior parte delle persone concorderà sul fatto che non è necessario viaggiare due ore solo per partecipare a una riunione al giorno d’oggi, ed è la stessa cosa con gli eventi”, ha aggiunto. “È un settore che continuerà a crescere. L’abbiamo appena accelerato”.

Boufarhat pensa che alcuni eventi, come i concerti, torneranno sicuramente di persona, ma sta scommettendo su un futuro “ibrido” in cui la maggior parte degli eventi si svolgerà online con una “componente occasionale” in presenza. “Gli organizzatori otterranno più valore dagli eventi online perché non a tutti piace viaggiare per il mondo per affari. Non è eccezionale per l’ambiente e non è così accessibile. Penso che tutti gli eventi di successo saranno ibridi”.

Anche gli investitori e gli organizzatori di eventi stanno iniziando a rendersi conto della differenza. Da febbraio, Hopin afferma che è passato da 5.000 utenti registrati a oltre 3,5 milioni. Anche il numero di organizzatori di eventi è passato da 1.800 a 50.000.
Il picco di crescita ha portato l’investitore Semil Shah a dare a Hopin il soprannome di “società tecnologica di successo del 2020”.

Sebbene inizialmente intendesse cavarsela da solo, Boufarhat ha deciso di uscire e raccogliere fondi lo scorso autunno. “Dovevamo solo avere un ritmo incredibile”, ha detto. “Questa potrebbe essere l’azienda più veloce nella crescita di sempre, se faremo tutto correttamente, e questo è un enorme “se”, perché nessuno ha mai fatto qualcosa di simile prima”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.