Impact Rooms: un aiuto per gli investitori di startup

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Alcuni anni fa, all’inizio del boom dei servizi fintech in Africa, Oliver Blantern, avvocato e grande innovatore vicino alle idee di molti grandi leader, pensatori e innovatori africani, ha avuto l’opportunità di lavorare nel continente offrendo servizi di consulenza a startup potenzialmente ad alta crescita. Per poco più di tre anni la sua azienda, Riverhouse Technology, ha aiutato le aziende tecnologiche emergenti nella ricerca e acquisizione di talenti.

Brantern è riuscito a gestire tutto questo durante la direzione dell’Africa Payments Club, una piattaforma che ha riunito un pool di fondatori, esperti e investitori nel mondo tecnologico per connettersi e affrontare le sfide aziendali comuni, nonché per scovare opportunità di sviluppo tecnologico in Africa. Questa piattaforma, nata dalle sue esperienze in Riverhouse Technology, ha consentito a Blantern di lanciare, a marzo di quest’anno, Impact Rooms: piattaforma che supporta fondatori, investitori e dirigenti nel superamento degli ordinari problemi durante le fasi di studio, investimento e prima crescita delle startup.

Impact Rooms, infatti, offre soluzioni a tutto tondo per i problemi di avvio, dall’assicurarsi che vengano selezionati i giusti investitori con le giuste potenzialità, alla raccolta di capitali. Essere “giusti investitori” significa che le startup, che hanno forti modelli finanziari, riescono a reperire il giusto tipo di capitale umano e, soprattutto, rispettando le normative. Blantern ha affermato che Impact Rooms utilizza informazioni anche per aiutare gli investitori a prendere decisioni su quali paesi, distretti, tipologie industriali o startup investire, offrendo pari opportunità (e visibilità) alle startup in tutti i mercati africani. “Vogliamo incoraggiare il più possibile un’elevata percentuale di capitale in regioni al di fuori dei quattro mercati africani principali (Sud Africa, Kenya, Egitto e Nigeria). Vogliamo incoraggiare il capitale nelle imprese africane guidate da donne e supportare un numero elevato di investitori locali e globali esistenti per investire più capitale in questo mercato “, ha dichiarato Blantern, in qualità di CEO e fondatore di Impact Room.

Inoltre, su Impact Rooms le startup hanno anche accesso a una vasta gamma di servizi, incluso il supporto legale e di marketing, offerta da tutti gli altri partner della piattaforma. Impact Rooms è supportato dal gruppo di investimento statunitense Global Blockchain Ventures (GBV), fondato nel 2018 e con base a Orlando, Florida, e che investe in criptovalute e blockchain, Internet delle cose, tecnologie medicali cybersecurity, intelligenza artificiale infrastrutture di realtà virtuale aumentata in altri settori altamente tecnologici.

Il nostro compito è supportare le startup e aiutarle fino alla loro maturità. Conduciamo valutazioni aziendali attraverso il supporto per la preparazione degli investitori e offriamo presentazioni ai partner di servizio pertinenti, supportandoli anche con la raccolta di capitali”, scrive sui social Blantern. Il team di Impact Rooms è attualmente diffuso in tutto il mondo con alcuni dei suoi esperti in Kenya, Zambia, Ghana, Sudafrica, Porto Rico, Australia, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera. Blantern ha affermato che la startup ha anche creato un database per fornire approfondimenti su come gli investitori prendano decisioni di investimento. “È il database di investitori più completo e intelligente per l’Africa e ci consente di capire perché alcune società raccolgono capitali e altre no, oltre a migliorare le loro performance in futuro”, ha affermato. Impact Rooms utilizza il suo algoritmo proprietario, Cortex, per condurre valutazioni aziendali e nelle valutazioni che servono a comprendere le tendenze di mercato.

La startup sta pianificando di istituire Smart Fund, un programma per unire più investitori, utilizzando algoritmi per scegliere le migliori opportunità per i finanziatori. Il fondo riunirà investitori con interessi condivisi da tutto il mondo per espandere le loro prospettive di investimento in Africa. “Lavoriamo e collaboriamo con investitori, incubatori, aziende e tutti i tipi di attori dell’ecosistema, compresi i fornitori di servizi finanziari: non siamo un concorrente. Siamo qui per lavorare con tutti in questo ecosistema “, ha affermato il fondatore. Impact Rooms sta attualmente lavorando con 14 startup di sei paesi in tutta l’Africa, coprendo diverse tematiche: dall’e-commerce alle comunicazioni basate su blockchain. Le startup supportate includono Wala Digital Health del Ghana, un software SaaS che mette in rete ospedali e donatori per trasfusioni di sangue critiche… La startup ha finora valutato 85 aziende e entro la fine del prossimo anno spera di lavorare con 5.000 aziende in tutto il continente africano, creando, direttamente o indirettamente, altri 10.000 posti di lavoro. Tutto questo, oltre ad aiutare 1.000 startup a raccogliere fondi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.