Danubio salato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Il Danubio salato è una torta rustica solitamente ripiena con formaggi e salumi, dalla caratteristica forma. Tante “palline” fatte di un soffice impasto, ricoperte da semi di papavero. Perfetta per il pranzo della domenica e, perché no, anche per una cena con gli amici. 

Ingredienti

1 uovo

250 ml di latte tiepido

20 g di zucchero

10 g di sale 

50 g di olio di oliva

550 g di farina

1 tuorlo per spennellare

Può essere farcita con cubetti di emmental, provola sia piccante che dolce, prosciutto cotto, speck.. insomma secondo il gusto di ognuno

semi di papavero

Procedimento

Versate il latte tiepido in una ciotola e sbriciolate il lievito di birra, aggiungete lo zucchero, l'olio e un uovo. Impastate aggiungendo la farina poca per volta. Succesivamente lavorate l'impasto su una tavola di legno, almeno per 4-5 minuti fino a quando risulterà liscio ed omogeneo. 

Formate una palla, trasferitelo in una ciotola pulita e infarinata, coprite con la pellicola e poi con un panno. L'impasto così coperto non formerà la “crosticina” sulla parte superiore. Lasciate lievitare per 2 ore. Dividete l'impasto per formare delle palline che abbiano tutte la stessa dimensione. In questa operazione ci si può aiutare con una bilancia.

Dopo aver formato tutte le palline è il momento di farcirle. Con un mattarello lavoriamole per formare dei dischi da farcire con un po' di formaggio e salumi. Richiudete cercando di formare di nuovo una pallina. Disponetele in una teglia una a fianco all'altra, poi coprite con la pellicola e lasciate lievitare per circa mezz'ora. Spennelliamo con un uovo e spolveriamo con semi di papavero. Cuocete a 180 gradi per 35-40 minuti. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.