Renzi: “I grillini raccomandano gli amici degli amici”. Raggi “Ti querelo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:08

Nuova bagarre tra il leader del Pd Mateto Renzi ed esponenti del Movimento 5 Stelle. Dopo le polemiche di ieri innescate da una citazione del compianto Gianroberto Casaleggio, oggi Renzi viene attaccato dalla neo sindaca di Roma, Virginia Raggi, che promette querele.

Chi polemizza è fuori

“Nessuno del M5S ha mai fatto raccomandazioni per amici, amici degli amici o parenti. Stefàno si è sentito diffamato dalle affermazioni di Rota, riprese poi dal Pd, e lo ha querelato”, scrive la sindaca su Fb. “Le polemiche create dai giornali sono l’ultimo dei nostri interessi, ma se il segretario del Pd ci diffama è un’altra storia: Renzi sarà querelato e dovrà rendere conto delle sue parole”, aggiunge.

“Stiamo tutti lavorando per questa città, dal sindaco fino al consigliere municipale. A tutti i componenti della mia squadra di consiglieri e di giunta dico di non distrarsi dal lavoro alimentando sterili polemiche. Chi preferisce polemizzare – avverte la pentastellata – si mette da solo fuori dalla squadra“.

L’Atac nella bufera

Ma cosa ha scatenato cotanta rabbia? Una frase evidentemente polemica di Renzi in merito all’Atac, l’azienda dei trasporti pubblici capitolina finita nella bufera con l’addio dell’ormai ex dg Bruno Rota che ha accusato il presidente della commissione Trasporti Enrico Stefàno (M5S) su presunte segnalazioni per promozioni “veloci” ad amici e conoscenti.

Da Agerola contro i grillini

Il segretario del Pd Matteo Renzi è entrato nella spinosa vicenda a piedi pari, attaccando frontalmente il Movimento dal palco di Agerola (Na), dove ieri ha presentato il suo libro “Avanti”: “Nell’azienda dei trasporti di Roma i grillini, che dovevano fare la rivoluzione, raccomandando gli amici degli amici”, ha detto il segretario Pd. E la Raggi, in risposta, paventa vie legali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.