Aggredito con uova e sassi da un gruppo di adolescenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:21

E'stato aggredito mentre era in compagnia della sua ragazza. Dopo aver terminato di lavorare, Nishanth Bejjanki, 22 anni, si trovava a Torre Angela, periferia Est di Roma. La sera del 29 aprile è stato colpito con sassi e uova che lo hanno ferito ad un occhio. A compiere la vile aggressione sarebbe stato un gruppo di adolescenti. Nishanth aveva appena finito le sue consegne, che in qualità di rider svolge con la bicicletta. 

Un ragazzo modello

A distanza di due giorni dal funerale di Antonio Stano, il 66enne morto a Manduria, un altro episodio di violenza giovanile scuote il Paese. La vittima “romana” è uno studente modello, che per pagarsi gli studi giuridici internazionali all'Università Sapienza, fa consegne a domicilio. Adesso Nishanth vuole andare via dall'Italia perché “ha paura che possa succedere ancora”. Una dichiarazione da brividi. “Me li sono ritrovati davanti all'improvviso, hanno iniziato a colpirmi con i sassi. Continuavo a domandare loro: perché lo fate? Cosa ho fatto?”, ha raccontato in inglese ai giornalisti di Repubblica che hanno raccolto la sua storia. “Ero preoccuapto che prendessero di mira anche lei e la situazione degenerasse”. Invece per fosrtuna la sua ragazza è riuscita a fuggire. Così dopo essere stato preso a sassate, addosso gli sono arrivate anche le uova. “Me le hanno tirate ovunque, sulle gambe, in volto, sul box in cui porto i pasti”. Poi buio: “A un certo punto mi hanno colpito in un occhio: non ho visto più nulla e sono caduto a terra”. A quel punto il gruppo che l'ha aggredito è scappato. “Ero scioccato non ho chiamato la polizia perché avevo paura di non essere capito, dato che non parlo bene l'italiano. Insieme a due amici sono andato in ospedale”. Passata la paura, i medici lo hanno rassicurato, spiegandogli che in un paio di giorni il problema all'occhio sarà risolto.  

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.