Perfetti per il tè del pomeriggio: i biscotti al limone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

Il té del pomeriggio, in Italia, non è una tradizione molto diffusa, ma è una bevanda calda che in questi giorni di freddo fuori stagione, può rappresentare un ristoro per il nostro corpo infreddolito. Si può rendere questo momento ancora più goloso abbinandoci dei biscottini al limone. Ecco come prepararli.

Per la frolla

  • 400 grammi di farina
  • 125 grammi di burro
  • 125 grammi di zucchero
  • 2 uova
  • 1 cartina di vanillina
  • 1 cartina di lievito per dolci

Per la glassa

  • 200 grammi di zucchero a velo
  • il succo e la buccia grattugiata di un limone

Procedimento

Su una spianatoia disponete la farina a “fontana”. Rompete le uova al centro e aggiungete lo zucchero; sbattete con una forchetta. Aggiungete il burro – lasciato a temperatura ambiente – tagliato a pezzettini, la cartina di lievito e di vanillina. Impastate con le mani, amalgamando la farina poco a poco. Quando la vostra frolla sarà pronta, avvolgetela nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero.

Togliete dal frigorifero e su una tavola di legno, dove avrete messo una spolverata di farina, stendete la frolla con l’aiuto di un mattarello. La sfoglia dovrà essere alta circa mezzo centimetro. E’ il momento di tagliare i biscotti: potete farlo utilizzando degli stampini con varie forme, o con un piccolo bicchiere.

Disponete i biscotti su una teglia rivestita con carta forno e infornate a 180 gradi per circa 15 minuti, avendo cura di controllare che i biscotti non brucino ma rimangano dorati. Nel frattempo, in una ciotola mettete lo zucchero a velo, aggiungete la buccia grattugiata e il succo del limone. Mescolate con una piccola frusta in modo da non lasciare grumi. Quando i biscotti saranno freddi, con un cucchiaino prendete una piccola quantità di glassa e ricopriteli uno ad uno. Lasciate rapprendere la glassa prima di servire. Buon appetito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.