GIOVEDÌ 07 FEBBRAIO 2019, 10:16, IN TERRIS


PYONGYANG

Corea del Nord sempre più pericolosa per i cristiani

Nonostante il vertice Trump-Kim Jong-un, il regime ha aumentato la stretta su chi segue il Vangelo

REDAZIONE
Alcune vittime cristiane nel regime nordcoreano
Alcune vittime cristiane nel regime nordcoreano
L

e persecuzioni di cristiani in Corea del Nord sono destinate ad aumentare nell'anno in corso. A denunciarlo sono proprio alcuni seguaci di Cristo di nazionalità nordcoreana all'agenzia missionaria "Open Doors".


Il trend

Come riporta l'organizzazione che aiuta i cristiani perseguitati, nell'ultimo periodo si è registrato un aumento del numero di arresti e di rapimenti di  missionari della Corea del Sud.
Risulta anche potenziato il controllo delle frontiere e più duri sono i provvedimenti del regime comunista di stroncare il fenomeno dell'evangelismo


L'incontro con Trump

Nel corso dello storico vertice dello scorso giugno tra Donald Trump e Kim Jong-un, il presidente americano aveva sollevato il problema della sistematica violazione dei diritti umani nel Paese. Gli impegni presi dal presidente nordcoreano in nome della pacificazione della penisola avevano fatto ben sperare anche per un possibile allentamento della persecuzione che subisce chi vuole professare la fede cristiana. 


Prigionieri del regime

Per il 18esimo anno consecutivo, anche nel 2019 è la Corea del Nord il luogo più pericoloso per i cristiani, più dell'Afghanistan, della Somalia, della Libia, dell Pakistan. Il Paese di Kim Jong-un, infatti, si colloca ancora una volta al primo posto nella classifica stilata da Open Doors. A Pyongyang si può correre il rischio di essere arrestati ed inviati nei campi di prigionia dal dipartimento della Sicurezza di Stato per il solo possesso di una Bibbia in casa. Il regime considera i cristiani degli elementi ostili, li giudica delle "spie" dell'Occidente e li perseguita per questo. Una situazione che era persino peggiore quando al potere c'era Kim Jong Il, padre dell'attuale presidente Kim Jong-un. Si ritiene che ci siano almeno 70mila cristiani detenuti nei campi di concentramento del regime nordcoreano, quasi tutti denutriti e costretti addirittura a mangiare erba.Secondo la Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord nel Paese ci compiono “indicibili atrocità” ai danni di coloro i quali professano di amare Cristo.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Migranti minori in Italia
RAPPORTO MINORI MIGRANTI IN ITALIA

Unicef: "Obiettivo 2019, raggiungere 6mila ragazzi"

"Manca il 30% dei fondi necessari per raggiungere questi risultati"
SCUOLA

Studenti in piazza contro il nuovo esame di maturità

Gli alunni: "Bocciamo il governo"
Matteo Messina Denaro
CAMPOBELLO DI MAZARA (TP)

Soldi alla famiglia di Messina Denaro: 3 fermi

Un avviso di garanzia è stato notificato al deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino
I manifesti contro Juncker e Soros
PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese
Gianfranco Duini e la vittima, Claudia Bortolozzo
MARGHERA (VE)

Uomo uccide la moglie, poi si costituisce

Gianfranco Duini, 43enne, ha accoltellato la consorte, Claudia Bortolozzo di 52