GIOVEDÌ 17 GENNAIO 2019, 10:47, IN TERRIS


PAKISTAN

Che fine ha fatto Asia Bibi

La donna è stata assolta e scarcerata più di due mesi fa, ma il suo calvario non è ancora finito

NICO SPUNTONI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifestazione contro Asia Bibi
Manifestazione contro Asia Bibi
S

ono passati poco più di due mesi dalla sentenza della Corte Suprema di Islamabad che ha assolto Asia Bibi. Una settimana dopo la pronuncia dei giudici, la donna veniva rilasciata e trasferita in una località segreta del Pakistan, impossibilitata, però, ad andare all'estero in attesa del ricorso presentato da estremisti contro la sua assoluzione. 


Asia Bibi oggi

Ma qual è la situazione odierna di Asia Bibi? La donna cristiana, rinchiusa in carcere per 3420 giorni dopo una banale lite con alcune sue colleghe di lavoro, non è riuscita ancora a riabbracciare la sua famiglia al completo. Il clima d'odio contro di lei fomentato nel Paese dai gruppi di fondamentalisti ha reso necessario il trasferimento dei suoi figli in Canada, per salvaguardare la loro incolumità fisica. Dopo la sentenza, infatti, la casa in cui abitavano due figlie della donna è stata bersagliata da colpi di fuoco sparati da un commando di estremisti. Nelle sue conversazioni telefoniche con Joseph Nadeem di Aiuto alla Chiesa che Soffre, Asia Bibi ha espresso tutta la sua preoccupazione per la vita della sua famiglia.


Dove vive

Le notizie più recenti che arrivano sulla donna cristiana non sono confortanti: nonostante l'assoluzione e la liberazione dal carcere di Multan, continua a vivere in una condizione di prigionia de facto. Rimane, infatti, sorvegliata a vista dalle forze di polizia pakistane in un luogo segreto dove non le è consentito neppure di aprire la finestra per timore di essere riconosciuta e quindi esposta alle aggressioni delle folle di estremisti che sono scese in piazza nei giorni successivi alla sentenza invocando la sua condanna a morte. 


Le visite

Solo poche persone hanno l'accesso al luogo in cui vive oggi Asia Bibi. Gli amici che l'hanno visitata hanno raccontato che l'abitazione è confortevole ma ci sono molte limitazioni alla sua libertà di movimento. Per paura di essere identificati e finire nel mirino degli estremisti, queste persone hanno chiesto di mantenere il totale anonimato. Dal giorno dell'assoluzione anche il marito vive in clandestinità, accanto a lei. Gli anni della prigionia sono stati durissimi anche per lui, costretto a fuggire ad abbandonare la sua casa di sempre per trovare rifugio in un quartiere popolare di Lahore. Sempre al fianco della moglie detenuta, l'uomo ha dovuto tutelare anche l'incolumità delle figlie Esha ed Ehsam continuamente minacciate dai vicini più radicali. Ashiq Masih, dopo esser stato ferito dallo sparo di un manifestante nei giorni successivi alla sentenza di assoluzione, ha fatto un appello pubblico per chiedere aiuto ai Paesi occidentali: vorrebbe riunire la famiglia in un luogo sicuro, all'estero, lontano dal clima di odio che si respira ancora oggi - nonostante la pronuncia della Corte Suprema - nella loro patria di origine.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola
Scontri a Hong Kong
ASIA

Guerriglia urbana a Hong Kong: 1 ferito

Nuovo lancio di molotov e cariche della polizia sui manifestanti
Religioni per la pace
ECUMENISMO

Sostenere la campagna per l’abolizione delle armi nucleari

La dichiarazione finale della X Assemblea mondiale delle religioni per la pace di Lindau
Vescovato di Avellino
CAMPANIA

Avellino, bomba al vescovato: 3 feriti

Fermato un uomo: Nelson Lamberti, 49 anni, salernitano ma residente a Forino
Il vescovo Pompili durante la celebrazione ad Amatrice
COMMEMORAZIONE TERREMOTO 2016

Mons. Pompili: "Senza un progetto non si va da nessuna parte"

L'omelia del Vescovo di Rieti ad Amatrice nella messa per il terzo anno dal sisma del Centro Italia